LA CONGIURA DEI BORGIA

ITALIA - 1958
Cesare Borgia e sua sorella Lucrezia, volendo venire in possesso di un documento, che prova il tradimento di alcuni nobili ai danni del Valentino, danno a Guido di Belmonte l'incarico di recarsi nel castello di Rovena, dove il documento è custodito, e d'impadronirsene. Guido, amico dei Rovena, non vorrebbe accettare l'incarico; ma quando il suo amico Enzo è preso come ostaggio, è costretto a piegarsi al volere dei Borgia. Egli parte dunque, e i Borgia mettono al suo fianco Falconetto, uno scudiero di loro fiducia. A Rovena Guido s'innamora di Simonetta, la figlia del Duca, mentre Falcetto s'innamora di una cameriera, di nome Oretta. Per quanto riguarda il documento, nel castello ci sono altre due persone che vorrebbero impadronirsene, allettate dalla speranza di ottenere dal Valentino un adeguata compenso: si tratta di un capitano, che volge in mente il disegno di fuggire poi col documento, in compagnia della moglie del duca, e dell'intendente del castello che vorrebbe divenirne il proprietario. Ma per varie circostanze né Guido né gli altri due riescono a mettere le mani sul documento. Quando Cesare Borgia in persona giungerà al castello, troverà Guido e Falconetto coalizzati contro di lui e sarà costretto a ritornare a Roma, portando con sé prigionieri il capitano e l'intendente. Così Guido potrà sposare Simonetta e Falconetto Oretta.

CAST

CRITICA

"Film di cappa e spada né migliore, né peggiore degli altri che lo hanno preceduto [...]". (Vice, "Il Resto del Carlino", gennaio 1959).
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy