La classe non è acqua

ITALIA - 1996
Dopo aver insegnato alcuni anni all'estero, il professor Guido Marinelli torna a Roma e si prepara al suo nuovo incarico. Appena fuori dalla stazione una ragazza lo avvicina trafelata, gli lascia un pacco e scappa. Dentro c'è un bambino che Guido porta all'ospedale ed è affidato ad una giovane dottoressa. Quando arriva a scuola, si accorge che qualcun'altro più gradito ha preso il suo posto, e solo con una protesta davanti al ministero della Pubblica Istruzione riesce a riprendersi il maltolto. Finalmente in classe, Guido comincia un difficile rapporto con gli alunni apatici, disinteressati, turbolenti, e, dalla parte opposta, verifica anche lo stato di demotivazione del corpo insegnante. Mentre affronta i problemi quotidiani del lavoro, Guido si tiene anche al corrente sullo stato di salute del bambino abbandonato, fin quando, da alcuni precisi indizi, non capisce che la madre del bambino è una ragazza della sua classe, Anna. Si adopera allora per cercare di metterla di fronte alle sue responsabilità, e di entrare in contatto anche con la famiglia. Molti problemi sembrano risolversi, perchè Guido acquista a poco a poco la fiducia degli alunni e si innamora, ricambiato, di Martina, la dottoressa dell'ospedale. Anche l'amicizia del collega Claudio, che lo ha ospitato a casa sua, lo aiuta a superare le difficoltà. E, alla fine, Anna accetta di riconoscere il bambino, insieme al ragazzo che ne è il padre e, quando la burocrazia cerca ancora di allontanare Guido dal suo posto a favore di un "raccomandato", tutta la classe si oppone e la situazione non cambia.
  • Durata: 100'
  • Colore: C
  • Genere: COMMEDIA
  • Specifiche tecniche: PANORAMICA A COLORI
  • Produzione: DANIA FILM - C.R.C., - FILM INTERNATIONAL
  • Distribuzione: WARNER BROS. ITALIA (1997)

NOTE

REVISIONE MINISTERO APRILE 1997.
SUONO: UGO CELANI.
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy