La cintura di castità

ITALIA - 1950
Il duca Guiscardo di Castelgrosso, uomo di idee antiche, fedele custode delle tradizioni familiari, vive nel castello avito con la giovanissima nipote Diana: la tediosa vita del castello pesa come un incubo sullo spirito giovanile di Diana. Nel vicino villaggio arriva una compagnia di rivista, ma gli affari vanno male e gli artisti si trovano in condizioni pietose. Yvonne, la bella soubrette, ha un'idea geniale: sapendo che il duca ha la passione della pesca, una mattina, mentre è intento a pescare, fa in modo ch'egli la creda in pericolo d'annegare e la salvi. Trasportata al castello, la ragazza è oggetto delle più premurose attenzioni. Essa riesce ad introdurre nel castello, come ospiti, le sue compagne; mentre Lucio, il capocomico, e il suo aiutante vengono ingaggiati come cuochi. Nel frattempo, una banda di malviventi, capitanata da Giovanni, maggiordomo del duca, s'impadronisce della cintura di castità, preziosissimo gioiello di famiglia. Lucio, dando prova d'accortezza e di coraggio, ricupera il gioiello e lo consegna al duca, il quale per compensarlo, finanzierà la nuova rivista "La cintura di castità". Diana, che si promette a Lucio, sarà la protagonista, mentre il duca si promette a Yvonne.
  • Colore: B/N
  • Genere: COMICO, COMMEDIA
  • Tratto da: Da un'idea di J. H. Whiterman
  • Produzione: MICHELE FRISCIA PER HIDALGO FILM
  • Distribuzione: REGIONALE

NOTE

-CANZONI DI: CIOFFI, FAELE, MILITELLO, PISANO.

-COREOGRAFIA: GISA GEERT.

CRITICA

"Solito film comico - rivista col solito comico [...] con il solito contorno di ragazze più o meno carine [...] con le solite battute stereotipate cadenti [...]. Il tutto reso omogeneo (omogeneo?) da qualche canzone scacciapensieri [...]. (A. Gerardis, "Hollywood", n. 266 del 1950).
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy