LA BETIA OVVERO IN AMORE PER OGNI GAUDENZIA CI VUOLE SOFFERENZA

ITALIA - 1971
La bella Betìa, figlia di un'agiata contadina, donna Menega, ha uno spasimante che la vuole sposare: il goffo, impacciato bracciante Zilio. Non ritenendolo l'uomo adatto perché lo giudica incapace di soddisfare i suoi robusti appetiti sessuali, La Betìa, coi suoi dinieghi, riduce il giovane alla disperazione. Apparentemente in aiuto di costui, il ricco massaro Nale, che è da tempo attratto - corrisposto - dalla Betìa, interviene e riesce a concludere con la ragazza un patto: ella acconsentirà a sposare Zilio e anche Nale la soddisferà. Ottenuto il consenso della madre, certa d'aver fatto un buon affare, la Betìa sposa Zilio, ma questi, a matrimonio concluso, sferra a Nale una coltellata. Dato per morto, costui, che in realtà è soltanto ferito, decide di giocare uno scherzo a sua moglie Tania. Ma Nale sorprende Tania fra le braccia del bracciante Menegazzo. Alla fine, "resuscitato" Nale, le insaziabili Betìa e Tania stabiliranno, con Zilio, Nale e Menegazzo, una sorta di ménage a cinque.
  • Durata: 99'
  • Colore: C
  • Genere: COMMEDIA
  • Specifiche tecniche: PANORAMICA EASTMANCOLOR
  • Tratto da: COMMEDIA "LA BETIA" DI ANGELO BEOLCO DETTO RUZANTE
  • Produzione: FINARCO; MEROPE (ROMA) - KOSUTNJAK (BELGRADO)
  • Distribuzione: TITANUS
  • Vietato 14
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy