La banda dei Babbi Natale

ITALIA - 2010
Vigilia di Natale. Tre amici - Aldo, disoccupato scommettitore incallito; Giovanni, poco affidabile veterinario dalla vita sentimentale multipla; Giacomo, medico che vive da troppo tempo nel ricordo di una moglie scomparsa - uniti dalla passione delle bocce, sono finiti in questura perché accusati di essere una banda di ladri. L'interrogatorio con una severa e materna ispettrice di Polizia è lo spunto per raccontare le loro vite complicate e per cercare il modo in cui vorrebbero cambiarle o almeno semplificarle. Riusciranno a dimostrare la loro innocenza entro la mezzanotte?

CAST

NOTE

- LE OPERE DELL'EPISODIO DEL SOGNO SONO "I TESTIMONI" DI MIMMO PALADINO, SCULTURE IN PIETRA DI VICENZA DEL 1996 (MISURE 200HX75X55) REALIZZATE CON IL LABORATORIO ARTISTICO SEGATO & TREVELIN DI VICENZA.

- LE RIPRESE, EFFETTUATE A MILANO E DINTORNI, SONO INIZIATE IL 7 GIUGNO 2010 E SONO DURATE 10 SETTIMANE.

- CANDIDATO AL NASTRO D'ARGENTO 2011 PER: NASTRO SPECIALE-COMMEDIA, MIGLIOR ATTRICE PROTAGONISTA (ANGELA FINOCCHIARO, CANDIDATA ANCHE PER "BENVENUTI AL SUD" DI LUCA MINIERO), MONTAGGIO (MARCO SPOLETINI E' STATO CANDIDATO ANCHE PER "CORPO CELESTE" DI ALICE ROHRWACHER) E COLONNA SONORA.

CRITICA

"Si sorride spesso, quindi, dopo, non si strangolerebbe la cassiera: insolito esito per un film italiano di fine anno. È 'La banda dei Babbi Natale' di Paolo Genovese, dove Aldo Giovanni e Giacomo - più Angela Finocchiaro, sempre più brava - rifanno loro stessi meglio del solito. Il pretesto è un fermo la notte della vigilia, con relative confessioni alla polizia. Fra le trovate, quella di mimetizzarsi, appesi sulla parete di un palazzo, con gli ignobili pupazzi natalizi; e gli attimi in latrina, all'autogrill. A Bellinzona si vestono come a Como, non come a Innsbruck, allora perché mascherare i ticinesi da tirolesi?" (Maurizio Cabona, 'Il Giornale', 17 dicembre 2010)

"Liberi tutti! A dieta dai grassi saturi del cinepanettone, affrancati da donnine e omuncoli, emancipati da trivialità e motteggi: Aldo, Giovanni e Giacomo mollano il polveroso 'Cosmo sul comò' e si ritrovano in gran forma, complice - finalmente - un regista di nome e di fatto, Paolo Genovese. Che dà al trio ritmo narrativo e tensione drammaturgica. (....) Tranquilli, si ride e senza temere il giudizio del vicino di poltrona: se per l'homevideo il Natale rimane il più bel giorno dell'anno, Mina - in colonna sonora con 4 brani inediti - ci ricorda che sulla tavola delle Feste AG&G servono il bicchiere mezzo pieno: 'Una tristezza così non la sentivo da mai, ma poi la banda arrivò e allora tutto passò'." (Federico Pontiggia, 'Il Fatto Quotidiano', 17 novembre 2010)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy