L'uomo nel mirino

The Gauntlet

USA - 1977
Il nuovo Capo della Polizia di Phoenix (Arizona), Blakelock, incarica Ben Shockley di recarsi a Las Vegas per prendere in consegna un insignificante teste per un processo da nulla. L'agente Ben, il classico fallito per mancanza di occasioni fortunate, giunto nella capitale del giuoco d'azzardo s'avvede immediatamente che le cose sono ben diverse da quanto gli è stato dichiarato. Il teste che gli viene consegnato è Gus Mally, una prostituta, sulla cui vita sono aperte scommesse; e, difatti, sia Ben che Gus vengono assaliti da grossi contingenti della Polizia di Las Vegas che polverizzano letteralmente la casa dove si sono rifugiati. Sfuggiti al massacro grazie a un collettore sotterraneo, i due raggiungono fortunosamente la frontiera tra i due stati. Mentre fraternizzano, la ragazza apre gli occhi a Shockley che si fidava ciecamente del superiore, Blakelock, e del Sostituto Procuratore Feyderspiel; e gli rivela come al processo di Angelo De Luca, le deposizioni più gravi da fare saranno proprio contro Balkelock. Essendo ormai chiaro che i due a Phoenix troveranno tutta la polizia pronta a massacrarli, Ben mediante l'amico e collega Josephson fa conoscere il percorso che farà per raggiungere il tribunale con un pullman di linea che ha sequestrato. Ben e Gus, infatti, vengono letteralmente bombardati; ma se la cavano grazie ai trinceramenti metallici posti all'interno del mezzo; e quando ne escono, sotto gli occhi allibiti di mille agenti, Blakelock...
  • Durata: 114'
  • Colore: C
  • Genere: POLIZIESCO
  • Specifiche tecniche: PANAVISION COLORE DE LUXE
  • Produzione: ROBERT DALEY PER MALPASO COMPANY PICTURES
  • Distribuzione: PIC (1978) - WARNER HOME VIDEO
  • Vietato 14

CRITICA

"E' un film di un viaggio, di una missione impossibile attraverso terre desolate con sparatorie violente. Con un buon rit mo va avanti duro, compatto senza concessioni sentimentali. Diverte con ogni genere di stravaganza." (Laura e Morando Morandini, Telesette)

"Paradossale, involontariamente grottesco è probabilmente il più goffo tentativo di Eastwood regista, anche se qualche scena funziona a dovere. Il Guiness dei primati segnala un record: quello del maggior numero di proiettili sparati in un film. Tutto qui?" (Francesco Mininni, Magazine italiano tv)

"Clint Eastwood, regista e interprete, memore dei film di Sergio Leone con cui é divenuto celebre ('Per un pugno di dollari', 'Per qualche dollaro in più', 'Il buono il brutto e il cattivo'), ha immesso lo schema narrativo e lo spirito del western all'italiana in una vicenda che, a sua volta, unisce le avventure di un uomo e una donna in fuga ('Gangster story', e tante altre ballate del genere) con il romanzo d'amore creato tra i due dalle comuni disavventure ('Soldato blu'). A queste fonti di ispirazione se ne aggiungono diverse altre, di modo che questa storia di un poliziotto, perseguitato dai corrotti superiori e dalla Mafia, è paradossale e persino grottesca: ma anche originale e non priva di spunti umani che inducono a chiudere un occhio sul troppo che ha di non credibile." ('Segnalazioni cinematografiche', vol. 84, 1978)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy