L'UOMO CHE MENTE

L'HOMME QUI MENT

FRANCIA, CECOSLOVACCHIA - 1968
Dopo più di vent'anni, Boris Varissa torna nel villaggio in cui era stato partigiano assieme a Jean Robin, scomparso verso la fine della guerra. Ancora in attesa del ritorno di Jean vivono, in un malandato castello, il padre, la moglie Laura, la sorella Silvia e Maria la domestica. Alloggiato in un modesto alberghetto - visto di malocchio dal proprietario, ma non così dalla cameriera - Boris dà dell'amico, versione sempre nuove e contrastanti, dipingendolo, di volta in volta, come un eroe o come un vigliacco; attribuendo la sua scomparsa a se stesso alla farmacista del paese; vantandosi di averlo salvato dai tedeschi, o incolpandosi di averlo gettato in un pozzo. Infine Boris si installa nel castello, dichiarando che Jean è morto. Ma questi, o qualcuno che fa credere di esserlo, appare all'improvviso e lo uccide.
  • Durata: 98'
  • Colore: B/N
  • Genere: DRAMMATICO
  • Produzione: COMO FILM LUX CCF (PARIGI) CESCOSLOVENSKY FILM (BRATISLAVA)
  • Distribuzione: IDIEF - MAGNUM 3B
  • Vietato 14

NOTE

DIALOGHI: ALAIN ROBBE-GRILLET.
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy