L'università dell'odio

Higher Learning

USA - 1996
L'università dell'odio
Tre ragazzi affrontano la loro vita da matricola in un'università, venendo a contatto con problemi e preguidizi di ogni tipo.
Malik, campione di atletica al liceo, si renderà conto che bisogna lavorare e lottare per conseguire buoni voti.
Kristen, ragazza ingenua, scoprirà che i suoi colleghi maschi difficilmente accettano un "no" in risposta alle loro avances.
Remy è un ragazzo triste e tranquillo, che nessuno accetta come amico. Gli unici disposti a reclutarlo sono un gruppo di naziskin.
Gli unici adulti che esercitano un'influenza positiva sui tre ragazzi, sono il professore Phipps e lo studente fuori corso Fudge.
  • Durata: 123'
  • Colore: C
  • Genere: DRAMMATICO, SOCIALE
  • Produzione: NEW DEAL PRODUCTION
  • Distribuzione: COLUMBIA - COLUMBIA TRISTAR HOME VIDEO
  • Vietato 14

NOTE

-REVISIONE MINISTERO MAGGIO 1996

CRITICA

"Come fanno gli americani a vivere insieme? Un bel mistero, anche a giudicare solo dai film che ci giungono dall'altra parte dell'Atlantico. Divisioni etniche, odi e rancori, incomprensioni e rabbia: tutto sembra indicarci una società incapace di portare avanti la dura pratica quotidiana della convivenza. Lo stesso quadro dipinto, con didascalica chiarezza, dal film 'L'università dell'odio', di John Singleton. Il college del titolo è la Columbus University, dove da tutti gli States arrivano le matricole pronte a impegnarsi nel nuovo anno accademico. Realtà ben diversa dai sogni: le vie del campus sono insicure, le ragazze sole rischiano di essere aggredite e violentate, le uniche occasioni di socializzazione sembrano essere le stupide feste durante le quali, tra monumentali sbornie, i colleghi anziani vanno a caccia delle studentesse più appetitose". (Luigi Paini, 'Il Sole 24 ore', 21 luglio 1996)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy