L'ULTIMO PERDONO

ITALIA - 1951
Renato Rocchi, condannato a lunga detenzione per aver ucciso l'amante della moglie, esce di carcere dopo diciott'anni. Non sa più nulla della moglie, né della figliola, e i tentativi fatti per rintracciarle non hanno successo. Finiti i pochi denari, Renato è ben presto ridotto alla disperazione. Unitosi ad un vagabondo, tenta una rapina, ma inesperto e titubante com'è, viene sopraffatto dall'aggredito. Questi però non lo denuncia, ma gli dà lavoro. Si tratta d'un esponente della mala vita, proprietario d'un locale notturno, capo d'una organizzazione per la tratta delle bianche. Renato viene ingaggiato come cameriere, ma l'amante del proprietario gli affida l'incarico di reclutare le ragazze. Renato crede si tratti d'allestire un balletto e finisce col concepire una viva simpatia per la prima ballerina, destando la gelosia d'un ballerino negro. Alla fine Renato scopre la verità; ma continua ad adempiere il suo triste incarico. A provocare nell'animo suo una violenta reazione giunge sua moglie, dalla quale apprende che la prima ballerina è la loro figliola. Attraverso una lotta violenta, Renato libera la propria figlia, mentre la moglie riporta, nella mischia, una mortale ferita. Con la figliola e l'ex amante del padrone, Renato potrà costruirsi una nuova esistenza.

CAST

CRITICA

" film scadente, melodrammatica nei toni e tecnicamente privo di buone qualità. Mediocre nel dialogo e sceneggiato con palese inesperienza, perde nello svolgersi delle sequenze alcuni inizi efficaci. L'interpretazione è sul medesimo piano del film". (F. Gabella, "Intermezzo", n. 11/12 del 30/6/1952).
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy