Léonor

FRANCIA, ITALIA, SPAGNA - 1975
Léonor
Leonor, la moglie di Richard, signore medievale, muore per una caduta da cavallo e il marito la seppellisce con le proprie mani, ma non riesce a dimenticarla. Neppure le nozze con Catherine, una ragazza molto giovane, bella e dolce riescono a sollevarlo dal suo stato di prostrazione e Richard chiede a Satana di restituirgli Leonor, che una sera, durante il suo vagabondare solitario, ha intravisto nella boscaglia. Richard ama i due figli avuti da Catherine, come del resto ama la sua seconda moglie, eppure non riesce a darsi pace. Dieci anni dopo la tragedia, grazie all'aiuto di Satana, ottiene finalmente il risveglio di Leonor e la riporta al castello. La defunta, ormai, è una specie di vampiro che si nutrirà del sangue di molti bambini tra cui quello dei figli di Richard. Questi, abbandonato da tutti i sudditi, angosciato per avere ucciso personalmente Catherine e per la morte dei figli, va a gettarsi dal ponte del Diavolo portando con sé Leonor.
  • Altri titoli:
    Leonor
    Cronache di altri tempi
  • Durata: 100'
  • Colore: C
  • Genere: DRAMMATICO
  • Specifiche tecniche: PANORAMICA, EASTMANCOLOR
  • Tratto da: romanzo di Ludwig Tieck
  • Produzione: CHARLOTTE FRAISSE, MANUEL SANCHEZ PER ARCADIE PRODUCTIONS, FILMS 66, URANUS PRODUCTIONS FRANCE (PARIGI), TRANSEUROPA FILM (ROMA), GOYA PRODUCCIONES CINEMATOGRÁFICAS S.A., SERAFÍN IGNACIO GARCÍA TRUEBA (MADRID)
  • Distribuzione: REGIONALE - PLAYTIME, CENTER VIDEO

CRITICA

"Il medievale racconto, ispirato a un autore preromantico tedesco, anziché situarsi nel solito splendore delle scenografie e dei costumi delle grandi corti, con molta sottigliezza si cala nel rude e rustico di un ambito fisico, storico e geografico, che rende il clima normale e quotidiano. Il vampirismo e la superstizione sono così più un contesto favolistico che delle realtà accettate e oggetto inequivocabile della trattazione diviene l''amore folle', omicida oltre che suicida, poiché si situa al di là delle norme della ragione, della natura, della morale e delle stesse barriere della vita e della morte." ('Segnalazioni cinematografiche', vol. 79, 1975)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy