L'occhio selvaggio

ITALIA - 1967
Per avere del materiale realistico per il suo documentario, Paolo, un regista italiano, non indietreggia dinanzi a nulla. In compagnia della sua amante Barbara, che ha convinto a lasciare il marito, e di una troupe improvvisata viaggia intorno al mondo per riprendere l'attualità e i suoi drammi. A Singapore riprende alcune prostitute sordomute e convince un medico a provare su alcuni tossicomani alcune cure molto energiche. Nel Siam, circuisce un sultano caduto in miseria cercando di convincerlo a vendergli una delle sue mogli, mentre a Saigon - incurante del pericolo - si avvicina ai guerriglieri e riesce a riprendere un'esecuzione capitale. Essendo venuto a conoscenza dei particolari di un attentato, decide di riprendere personalmente l'esplosione, ordinando al suo operatore di non abbandonare mai la macchina da presa, neppure dinanzi alla morte di Barbara.

CAST

NOTE

- PRESENTATO AL V FESTIVAL DI MOSCA 1967.

- LA VERSIONE RESTAURATA A CURA DEL CENTRO SPERIMENTALE DI CINEMATOGRAFIA E' PRESENTATA ALLA IX EDIZIONE DEL FESTIVAL INTERNAZIONALE DEL FILM DI ROMA (2014).

CRITICA

"(...) Convinto che ogni uomo di cinema sia anzitutto un voyeur, Cavara passa (...) al cinema narrativo offrendoci il ritratto di un (...) documentarista (...) a sensazione (...). Alternando parti vere ad altre ricostruite (...) il film attrae per le sue doti spettacolari, ma (...) mostra la corda ogni qual volta s'addentra nei meandri di un'assai improbabile ricerca psicologica". (G. Napoli, "Film Mese", settembre 1967).
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy