L'ISOLA DI MONTECRISTO

ITALIA - 1948
L'ISOLA DI MONTECRISTO
Al penitenziario di Montecristo viene inviato, come medico, dietro sua richiesta, il dottor Paolo Fabbri. Intrattenendosi con il giovane cappellano, il nuovo medico rievoca la sua passata esistenza. Parecchi anni prima, in una triste giornata di pioggia, Paolo, condannato a grave pena, giunge al penitenziario. Mania, Faina ed altri condannati lo credono una spia e lo perseguitano. Soffre allora la solitudine e tutto l'orrore del carcere. Una notte, essendo in preda al delirio, egli rivela la sua qualità di medico: è stato condannato, perché ha ucciso per amore. Un aeroplano di linea cade nell'isola, durante la notte: una bimba ferita ha bisogno di un'operazione, ma il vecchio medico del carcere non si sente di farla. Viene chiamato Paolo, il detenuto 415, che eseguisce l'operazione e s'innamora della sorella della piccola paziente. Frattanto Mania, un pregiudicato robusto e vizioso, riesce a fuggire e ad entrare nell'infermeria, dov'è la donna amata da Paolo. Questi cerca di liberare la donna dal pericoloso aggressore, che viene ucciso dalla polizia. Espiata la condanna, Paolo sposa la donna amata, ma ben presto rimane vedovo. Egli, che ha conosciuto le sofferenze della prigione, ha voluto ritornarci in veste di medico. "Molto bene potrà esser fatto alla gente che soffre tra quattro mura".
  • Durata: 120'
  • Genere: DRAMMATICO
  • Produzione: CONDOR
  • Distribuzione: REGIONALE

NOTE

AIUTO REGISTA: OTTAVIO ALESSI.
DIRETTORI DI PRODUZIONE: CARLO MERKEL E CARLO BENETTI.
COSTUMI: ARMANDO ARDOVINO.

CRITICA

"Questo lavoro, che appartiene alla lunga serie dei films drammatico-sentimentali, non manca di un certo interesse. Convenzionale in alcuni punti, comprende sequenze apprezzabili". (Anonimo, "Segnalazioni Cinematografiche", vol. XXXVI, del 1954)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy