L'incredibile storia dell'isola delle rose

ITALIA - 2020
3/5
L'incredibile storia dell'isola delle rose
Primavera 1968. Nell'anno della contestazione studentesca, un giovane ingegnere, Giorgio Rosa con un grande sogno e un genio visionario decide di costruire un'isola al largo di Rimini, fuori dalle acque territoriali, e la proclama stato indipendente. Un'isola d'acciaio in cui la libertà individuale è il valore assoluto: non ci sono regole!
In questa impresa impossibile Giorgio avrà al suo fianco un eterogeneo gruppo di complici: il suo migliore amico, un giovane imprenditore più propenso ai bagordi che all'azienda di papà, un misterioso naufrago in cerca di approdo, un animatore delle notti romagnole in cerca di una nuova vita e una ventenne romantica in cerca di lavoro. E poi Gabriella, la donna appassionata che Giorgio trascina nella sua ambiziosa avventura e nella sua vita. L'Isola delle Rose attira ben presto l'interesse della stampa e soprattutto di frotte di ragazzi da mezzo mondo, trasformandosi in mito, in caso internazionale e in un quasi insormontabile problema politico per il Governo italiano che non può tollerare la fondazione di un nuovo Stato in acque così vicine.
Perché un'utopia che diventa realtà non può che avere conseguenze imprevedibili, al di là di ogni immaginazione.
  • Durata: 118'
  • Colore: C
  • Genere: COMMEDIA
  • Produzione: MATTEO ROVERE PER GRØENLANDIA, NETFLIX
  • Distribuzione: NETFLIX
  • Data uscita 9 Dicembre 2020

TRAILER

RECENSIONE

di Valerio Sammarco

Dopo la fortunata trilogia di Smetto quando voglio prosegue il sodalizio tra Matteo Rovere (in produzione) e Sydney Sibilia. Abbandonato il sentiero dell’heist movie “stupefacente” e prendendo spunto dalla vera (incredibile, sì) vicenda di Giorgio Rosa (con la collaborazione storica di Walter Veltroni), Sibilia mantiene vivo il tessuto abituale della commedia “ribelle” e chiede ad Elio Germano di interpretare questo ingegnere bolognese dal talento incompreso che, nel 1968 – annata manifesto di ribellioni e rivoluzioni – costruì un’isola in mezzo al mare, poco oltre il limite di 6 miglia delle acque territoriali italiane al largo di Rimini, fondando così la Repubblica dell’Isola delle Rose, territorio indipendente di cui divenne presidente.

Uno di quei soggetti, per intendersi, che se non arrivasse dalla realtà sarebbe tacciato di poca verosimiglianza.

L’ISOLA DELLE ROSA (ROSE ISLAND) (L to R) MATILDA DE ANGELIS as GABRIELLA and ELIO GERMANO as GIORGIO in L’ISOLA DELLE ROSA (ROSE ISLAND). Cr. SIMONE FLORENA/NETFLIX © 2020

Ed è l’aspetto, questo, che il film sembra voler esaltare maggiormente, rimanendo sospeso in un’atmosfera di trattenuto disincanto, partendo dal Consiglio d’Europa di Strasburgo (con François Cluzet e Fabrizio Rongione che iniziano ad ascoltare la storia del protagonista) per finire dentro le stanze del potere italiano, con Zingaretti e Bentivoglio superlativi nel restituire le sagome del Presidente del Consiglio Giovanni Leone e del Ministro dell’interno Franco Restivo.

L’ISOLA DELLE ROSA (ROSE ISLAND) (L to R) FABRIZIO BENTIVOGLIO as FRANCO RESTIVO in L’ISOLA DELLE ROSA (ROSE ISLAND). Cr. SIMONE FLORENA/NETFLIX © 2020

Ecco, il film di Sibilia – che funziona anche nel tratteggio della travagliata storia d’amore tra Giorgio Rosa e Gabriella Chierici (Matilda De Angelis) e nel rapporto d’amicizia con Maurizio Orlandini (Leonardo Lidi) – ritorna ad un episodio sui generis della storia italiana (ed extraterritoriale, seppur di pochi metri) per ragionare su un paradosso capace di contrapporre il senso della libertà individuale, assoluta, con quella irreggimentata degli Stati.

“Un film dal cuore ribelle basato su fatti reali”, recita il claim. Ed è vero, ma la sensazione è che la peculiarità dei fatti reali finisca per tenere a freno la verve utopistica che un’operazione del genere avrebbe potuto esaltare un po’ di più.

NOTE

- DAVID DI DONATELLO 2021 PER: ATTRICE NON PROTAGONISTA (MATILDA DE ANGELIS), ATTORE NON PROTAGONISTA (FABRIZIO BENTIVOGLIO), MIGLIORI EFFETTI VISIVI VFX. ERA CONDIDATO PER: MIGLIOR PRODUTTORE, MUSICA, SCENOGRAFIA, COSTUMI, MIGLIORE TRUCCATORE (LUIGI ROCCHETTI), MONTAGGIO, SUONO, DAVID GIOVANI.
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy