L'immortale

L'immortel

FRANCIA - 2010
L'immortale
Marsiglia. L'ex criminale Charly Matteï viene trovato in un parcheggio del Vecchio Porto di Marsiglia, con 22 pallottole in corpo. L'uomo, che aveva deciso di cambiare vita e negli ultimi anni si era dedicato solo a sua moglie e ai suoi due bambini, viene dato per morto ma, in realtà, le cose non stanno proprio come sembrano...
  • Altri titoli:
    22 Bullets
  • Durata: 115'
  • Colore: C
  • Genere: THRILLER
  • Specifiche tecniche: 35 MM (1:2.35)
  • Tratto da: romanzo "L'immortel" di Franz-Olivier Giesbert
  • Produzione: LUC BESSON, PIERRE-ANGE LE POGAM PER EUROPA CORP., TF1 FILMS PRODUCTION, MARIE COLINE FILMS, SMTS, CANAL+, CINÉCINÉMA
  • Distribuzione: EAGLE PICTURES
  • Vietato 14
  • Data uscita 5 Novembre 2010

TRAILER

CRITICA

"'L'immortale' è diretto da Richard Berry, tuttavia porta soprattutto la firma del produttore Luc Besson. Il quale, dopo averlo per qualche tempo abbandonato, torna al suo genere preferito, il noir alla francese, melodrammatico nel taglio dei caratteri, americanizzato nel gusto delle scene d'azione, enfatizzato nel tasso di violenza e postmoderno nella scala dei valori (pur assassino efferato, Reno è un tenerissimo capo famiglia). L'intreccio confuso e pretestuoso non brilla per originalità, ma il ritmo è efficace e con la sua intensità e imponenza fisica di Reno è facile credere che sia immortale." (Alessandra Levantesi Kezich, 'La Stampa', 5 novembre 2010)

"Dentro al genere malavitoso alla marsigliese, la specialità francese gradita nei 70 di Borsalino e co., Richard Berry attore e autore monta su misura per il talento di Jean Reno (e Darroussin) la storia del fuorilegge che vuol ritirarsi: aggredito con 22 pallottole risorge per restituirle con gli interessi. Fra eterne melodie ('Tosca', 'Butterfly', 'Rigoletto') il film snoda orrendi agguati anche di piccini con un filo di humour (pistole nel secchiello da champagne) pure verso Sarkozy." (Maurizio Porro, 'Corriere della Sera', 5 novembre 2010)

"Anche Hitchcock salterebbe sulla poltrona. Lui che adorava le storie inverosimili, purché elettrizzanti. E qui è una scarica continua di adrenalina pura. (...) Che finimondo. Jean Reno è uno spettacolo: nonostante la mano destra disastrata, fila in moto meglio di Valentino Rossi e spara più veloce di John Wayne. In premio merita un rasoio." (Massimo Bertarelli, 'Il Giornale', 5 novembre 2010)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy