L'eredità dello zio buonanima

ITALIA - 1934
Le due famiglie Favazza si contendono acerbamente il gruzzolo del defunto zio. Colui che, a giudizio di popolo, si ritiene l'erede universale spende i propri risparmi e si impelaga in debiti e fastidi per solenni onoranze che conducono alla più ingrata sorpresa quando, aperto il testamento, egli è riconosciuto erede universale ma con l'obbligo di tanti legati che coprono quasi tutto l'ammontare del patrimonio ereditato. Ma la scoperta di un testamento posteriore rimette le cose a posto con più equanime giustizia; se non che l'improvviso fallimento della banca, che ha in deposito il capitale dell'eredità riconduce il povero Favazza nella più nera disperazione. Ancora una volta infine viene la salvezza e tutto si conclude con tre matrimoni tra le due famiglie.

CAST

NOTE

-MUSICA DIRETTA: ARMANDO FRAGNA
-AIUTO REGISTA: UMBERTO SCARPELLI
-DIRETTORE DI PRODUZIONE: BALDASSARRE NEGRONI
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy