L'eclisse

ITALIA - 1961
Poco dopo la rottura di una relazione amorosa, Vittoria si lega ad un giovane procuratore di borsa, Piero. Gli appuntamenti tra i due si succedono, fornendo alla ragazza fugaci evasioni dalla noia di una vita monotona. Allorché un ubriaco ruba l'auto di Piero e quindi muore accidentalmente, Vittoria ha modo di constatare il cinico comportamento del giovane procuratore, che si preoccupa soltanto della carrozzeria danneggiata. Dopo uno dei loro soliti incontri, Vittoria riceve da Piero l'invito per un ulteriore appuntamento, al quale nessuno dei due si recherà perché in essi, e soprattutto in Vittoria, si va affermando un'amara certezza: quella della invincibile solitudine degli uomini.

CAST

NOTE

- PREMIO SPECIALE DELLA GIURIA AL XV FESTIVAL DI CANNES.

- PREMIO CHARLIE CHAPLIN. PREMIO DELL'ASSOCIAZIONE CRONISTI CINEMATOGRAFICI BRASILIANI.

CRITICA

"La lunga sequenza della separazione degli amanti all'alba (...) con cui si apre 'L'eclisse', terzo e 'definitivo' tempo della trilogia, viene un po' a costruire l'anticipazione del tema del film, che è quello del disamore di Vittoria per gli uomini e le cose. (...) Vittoria diventa pertanto la protagonista inquieta e instabile di una ricerca vana e nostalgica di una condizione di vita autentica che sembra finita da molto tempo". (Adelio Ferrero, 'Cinestudio', 5 novembre 1962)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy