L'ARCIERE NERO

ITALIA - 1959
Il deforme Lodrisio ed il cugino Ludovico; bello ma perverso, concepiscono il disegno di impadronirsi del potere, detenuto dal feudatario Alvise, loro zio. Grazie alla collaborazione di Ubaldina, sadica sicaria, assassinano il conte di Sant'Elia, che sospetta le loro trame, e si destreggiano in modo da far apparire responsabile dell'uccisione il figlio del conte Corrado, che per salvare la propria vita è costretto a fuggire, diventando un bandito. Lodrisio e Ludovico pensano però che per il momento è bene aver Corrado amico: dichiarano quindi che l'assassino del conte di Sant'Elia, ch'essi sono decisi a punire, è il loro zio Alvise. Questi viene messo in prigione insieme alla figlia Ginevra, mentre innumerevoli violenze vengono commesse a danno dei di lui partigiani. Ma i due cugini sono ben presto divisi da un incoercibile sentimento di rivalità e dopo varie ed agitate vicende, di cui sarà coraggioso protagonista Corrado finalmente certo della loro responsabilità per la morte del padre suo periranno uccisi ed ugual sorte avrà Ubaldina. Anche Alvise ed Orietta, una zingara segretamente innamorata di Corrado; vengono uccisi: ma in mezzo a tanta strage fiorisce un idillio. Sopraggiunto il principe venuto a far giustizia, Ginevra e Corrado danno espressione al loro reciproco amore.

CAST

NOTE

TITOLO FRANCESE: LE RETOUR DE ROBIN DES BOIS.

CRITICA

"Si tratta di un film di avvenure a fondo storico, nel quale crudeltà, nefandi progetti, corruzione, violenze duelli ecc. sono i consueti ingredienti, mescolati senza troppe preoccupazioni. Modeste la regia e la recitazione, che si lasciano travolgere dalla farraginosa e spesso poco credibile vicenda". (Segnalazioni Cinematografiche).
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy