L'ALBERGO DELLA MALAVITA

MACADAM

FRANCIA - 1946
L'ALBERGO DELLA MALAVITA
Madame Rose, donna dall'oscuro passato, è la proprietaria d'un povero ed equivoco albergo di Montmartre. Madame Rose ha una giovane figliola, Simone, che le fa da serva nell'albergo. Simone è una brava figliola, che non assomiglia affatto alla madre e prova una viva ripugnanza per il mondo equivoco, che le gravita intorno. Capita un giorno nell'albergo un certo Victor, famigerato ladro. Egli ha commesso un grosso furto ed affida la forte somma rubata all'albergatrice, che decisa ad impadronirsene, denuncia il ladro alla polizia. Per allontanare da sé ogni sospetto, essa attribuisce la denuncia ad un giovane venditore ambulante, François, innamorato di Simone, ed ospite dell'albergo. Intanto presenta una seconda denuncia contro Victor, il quale dal carcere ordina alla sua amante, Gisèle, d'avvicinare François per collaborare, al momento opportuno, alla vendetta. Durante il trasferimento da una prigione all'altra, Victor fugge ed avute le prove del tradimento di Madame Rose, l'uccide. L'albergatrice, ch'aveva promesso alla figlia di cambiar vita, muore confortata dalla certezza d'essere da lei rimpianta. Victor, avendo trovato Gisèle tra le braccia di François, tenta d'ucciderla, ma ne viene impedito dall'intervento di Simone, ch'uccide il malfattore.
  • Durata: 100'
  • Colore: B/N
  • Genere: DRAMMATICO
  • Produzione: BUP/TUCHERER
  • Distribuzione: DEN

NOTE

DIALOGHI: JACQUES VIOT.
DEC.. JEAN D'EAUBONNE.
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy