L'Accabadora

ITALIA - 2016
L'Accabadora
Cagliari negli anni Quaranta è già una grande città per chi giunge da un piccolo villaggio. Annetta vi arriva nei giorni in cui l'Italia sta entrando in guerra e gli Alleati iniziano a bombardarla. È una donna di circa trentacinque anni, sempre vestita di nero, solitaria e silenziosa, d'una bellezza di pietra tipica delle zone più arse della Sardegna. A Cagliari nessuno sa nulla di questa donna che sembra custodire nel suo passato un terribile segreto. Dice di essere in cerca della nipote Tecla e trova lavoro e alloggio presso una famiglia altolocata che le lascia in custodia una grande villa e abbandona la città per sfuggire alla guerra. Proprio durante un bombardamento, nella concitazione della fuga verso il rifugio, Annetta intravede Tecla uscire dal portone di una casa di tolleranza. Le offre aiuto ma la ragazza sembra preferire quella vita umiliante piuttosto che accettare qualcosa da lei. La frattura tra loro risiede nel passato di Annetta: un passato fatto di solitudine, dolore e morte perché lei, per tutti, era l'Accabadora, colei che dà la "buona morte" ai moribondi che la richiedano, un ruolo tramandatole un tempo dalla madre. La sua nuova vita nella grande città, sgravata ormai dell'antico ruolo, la porta a scoprire di essere una donna capace di avere curiosità per la vita, di vivere il sentimento dell'amicizia e forse dell'amore. Ma la guerra e la distruzione porteranno Annetta davanti a una difficile scelta: riprendere i suoi antichi abiti di Accabadora o concedersi di vivere la vita?
  • Durata: 86'
  • Colore: C
  • Genere: DRAMMATICO
  • Produzione: FRANCESCO PAMPHILI PER FILM KAIRÒS, IN COPRODUZIONE CON JANE DOOLAN PER MAMMOTH FILMS, IN COLLABORAZIONE CON RAI CINEMA
  • Distribuzione: KOCH MEDIA (2017)
  • Data uscita 20 Aprile 2017

TRAILER

NOTE

- FILM DI INTERESSE CULTURALE NAZIONALE SVILUPPATO E PRODOTTO CON IL CONTRIBUTO DEL MIBACT-DIREZIONE GENERALE PER IL CINEMA E CON IL SUPPORTO DEL MEDIA PROGRAMME OF THE EUROPEAN UNION; IN ASSOCIAZIONE CON ARMANDO DE ANGELIS S.R.L. , BANCO DI SARDEGNA SPA, ALIANTE PARTNERS S.R.L. (AI SENSI DELLE NORME DEL TAX CREDIT); CON IL CONTRIBUTO DELLA REGIONE SARDEGNA ASSESSORATO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, BENI CULTURALI, INFORMAZIONE, SPETTACOLO E SPORT; CON IL SOSTEGNO DI: FONDAZIONE SARDEGNA FILM COMMISSION - FONDO OSPITALITÀ, COMUNE DI CAGLIARI-FONDO FILMING CAGLIARI, REGIONE LAZIO-FONDO REGIONALE PER IL CINEMA E L'AUDIOVISIVO; CON LA PARTECIPAZIONE DI IRISH FILM BOARD BORD SCANNÁN NA HÉIREANN IN ASSOCIAZIONE CON WINDMILL LANE PICTURES LIMITED.

CRITICA

"Ricercato nella composizione cromatica di scene e costumi che sottraggono l'isola alla sua immagine più risaputa, di stile severo e solenne, talora metafisico, rischia di risentire di un andamento troppo monocorde." (Paolo D'Agostini, 'La Repubblica', 20 aprile 2017)

"Il nuovo film di Enrico Pau si pone una scommessa ambiziosa, che poi ricorre nei film di un regista eccentrico rispetto agli stili e alle mode del cinema italiano; e cioè il racconto di un tempo, e di un mondo, attraverso personaggi messi davanti a una scelta che è insieme una sfida alla loro realtà a cui Pau cerca una corrispondenza visiva nella composizione pittorica delle inquadrature, nei colori delle stoffe (gli abiti di Antonio Marras) che qui sembrano intrecciarsi agli stati d'animo del personaggio. (...) 'L'accabadora' è anche, o forse soprattutto un film «femminile». Nella scrittura - la sceneggiatura è del regista insieme a Anna Iaccarino e al graphic novelist Igort - è come se il regista provasse, esasperandone i contorni, a scompigliarne la dimensione letteraria che solitamente vi si accompagna: quella che imprigiona l'accabadora e quella che punteggia le figure di quel paesaggio di rovine, di un matriarcato millenario in cui il destino veniva accettato con rassegnazione. Annetta diviene una ribelle, e con sé, tra le paure e l'emozione di un amore «estraneo» al suo mondo che le permette di reinventarsi, porta il sentimento della sua terra con le sue ricchezze nascoste e le speranze appese a un filo (molto bello l'inserto di un filmato d'epoca che mostra la processione di Sant'Efisio attraverso le macerie), col peso di un passato pesante e dei suoi spettri." (Cristina Piccino, 'Il Manifesto', 20 aprile 2017)

"Film ricco di suggestioni in un chiaro/scuro imponente, il terzo lungometraggio del talentuoso cagliaritano Pau si offre in tutta la sua forma, non di rado sconfinante nel formalismo. Dalle canne ventose di deleddiana memoria agli scenari apocalittici delle rovine umane: nulla si fa mancare nel ritratto della propria straordinaria Terra oltraggiata dal furore bellico, dimenticando - purtroppo - un elemento essenziale per la riuscita di un'opera cinematografica, ovvero il ritmo drammaturgico." (Anna Maria Pasetti, 'Il Fatto Quotidiano', 20 aprile 2017)

"Originale melodramma di un regista sardo, girato a Cagliari. (...) Molto brava Donatella Finocchiaro, che attraversa tutto il film senza l'ombra di un sorriso." (Massimo Bertarellli, 'Il Giornale', 20 aprile 2017)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy