L'abito nero da sposa

ITALIA - 1945
Andrea Strozzi, capitano di ventura, si vede rifiutare la mano di Berta perché suo padre, il banchiere Chigi, l'ha già promessa a Giuliano de' Medici. Andrea allora uccide il banchiere, ma viene accusato del delitto proprio Giuliano, che viene arrestato e rinchiuso in carcere in attesa del processo. Andrea, sentendosi al sicuro, confessa il delitto al Cardinale Giovanni, fratello di Giuliano, che rimane impotente poiché è vincolato dal segreto della confessione. Ma il giorno dell'esecuzione il cardinale, con uno stratagemma, riesce a far parlare Andrea del delitto, proprio mentre alcuni testimoni, nascosti, ascoltano. La verità viene così scoperta e il vero colpevole assicurato alla giustizia.

CAST

NOTE

- IL FILM, INTERROTTO PER GLI AVVENIMENTI DELL'8 SETTEMBRE, FU RIPRESO E TERMINATO DOPO LA LIBERAZIONE DI ROMA.

CRITICA

"Dramma cinquecentesco nella Roma papale [...] tra scenari fastosi e parrucconi e barbe finte, i nostri attori, si sa, sopportano queste arcaiche truccature con dignitosa disonvoltura. [...] Fosco Giachetti è un cardinale sontuoso ma lo preferiamo in parti borghesi. Jacqueline Laurent è la fanciulla che provoca i guai. Speriamo che questo film chiuda per sempre il ciclo dei nostri film in costume. Proprio per sempre!". (Fabrizio Sarazani, "Il Tempo", 23 maggio 1945).
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy