KILLING ZOE - UCCIDENDO ZOE

KILLING ZOE

USA - 1994
KILLING ZOE - UCCIDENDO ZOE
Zed, uno scassinatore professionista statunitense, giunge a Parigi per un colpo che l'amico d'infanzia Eric vuol effettuare ai danni dell'unica banca aperta in città il 14 luglio. Un tassista intraprendente gli lascia il telefono di una squillo, Zoe, con la quale il rapporto mercenario sembra trasformarsi in qualcosa di più, quando viene interrotto bruscamente dall'irruzione di Eric in albergo che caccia brutalmente la donna e trascina Zed in una folle notte per la città, tra Dixieland, eroina e allucinogeni. Il giorno dopo la rapina ha inizio ed il direttore, che si rifiuta di dare le chiavi, viene ucciso; poi è la volta di una donna. Mentre Zed è al lavoro nei sotterranei, la polizia circonda l'edificio: Eric, che ha ucciso un cliente americano che protestava, minaccia una strage e riconosce Zoe che lavora di giorno come segretaria nella banca. Intanto sopraggiungono dei problemi: nel caveau c'è un agente, ma Eric getta nella stanza una bomba che lo massacra. Dopo essere entrati, trovano i lingotti: Eric sale con un lingotto e visto che le sue richieste di un camion e di un aereo non vengono prese in considerazione, fa uscire un ostaggio e gli spara davanti ai poliziotti. Di sotto, Zed spara impietosito all'agente ancora agonizzante, e trascina il carrello con l'oro, con l'aiuto di un complice, verso l'ascensore. Eric, frattanto, spara ad altri due ostaggi, mentre dal soffitto piove un fumogeno. Zoe riesce a fuggire, inseguita da Eric; interviene Zed: questi e la ragazza lottano, con alterna fortuna, contro Eric che vuole ucciderli. Finalmente la polizia interviene ed elimina Eric. Zoe fa passare Zed per un cliente della banca e lo fa salire in automobile promettendogli che gli mostrerà la "vera Parigi".
  • Altri titoli:
    UCCIDENDO ZOE
  • Durata: 100'
  • Colore: C
  • Genere: NOIR
  • Specifiche tecniche: NORMALE A COLORI
  • Produzione: SAMUEL HADIDA, JEFF SCHECHTMAN, QUENTIN TARANTINO, REBECCA BOSS, LAWRENCE BENDER
  • Distribuzione: IMC (1995) - PANARECORD
  • Vietato 14

NOTE

REVISIONE MINISTERO AGOSTO 1995.
LA PELLICOLA E' STATA INTERAMENTE GIRATA A LOS ANGELES. HA VINTO IL PRIMO PREMIO AL MYSTFEST '94. NEL CAST C'E' GARY KEMP, NEL RUOLO DI UN BANDITO, L'EX CHITARRISTA DEGLI SPANDAU BALLETT.

CRITICA

Qualche grigionismo di troppo dello straordinario Jean-Hugues Anglade, alcune situazioni prevedibili e ripetitive non inficiano la qualità e la solidità di Killing Zoe, che oscilla tra il pessimismo scorsesiano e l'ironia tarantiniana. Soprattutto Avary conferma le caratteristiche di questa nuova scuola americana, capace di andare oltre i generi e di mantenere alta e costante la tensione sia nei momenti dell'azione serrata sia in quelli di statica verbosità. (Il Mattino, Alberto Castellano, 1/9/95) Killing Zoe è un debutto "eccellente" più di quanto non sia un eccellente debutto. Perché Avary usa gli ingredienti di Tarantino - sesso, droga e rock'n'roll - ma ne dimentica uno fondamentale, il senso dell'umorismo. (La Repubblica, Roberto Nepoti, 11/9/95) Intrappolato con i suoi protagonisti, Avary sembra costretto come loro a un'escalation senza uscite. Ma del doppio labirinto che costruisce, uno fisico, reale (i sotterranei della banca), l'altro astratto, inafferrabile (la mente di Eric), ci si ricorderà a lungo. (Il Messaggero, Fabio Ferzetti, 28/8/95)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy