Ispettore Callaghan: il caso Scorpio è tuo!

Dirty Harry

USA - 1971
A San Francisco l'ispettore Callaghan rende la vita difficile ai criminali. Ma un giorno un killer si apposta sui tetti della città e spara ai passanti. Poi invia un biglietto alla polizia firmandosi Scorpio: si tratta di un assassino psicopatico, che ricatta la città minacciando di uccidere ancora se non riceverà 20.000 dollari. L'ispettore Callaghan viene incaricato del caso, Scorpio finisce in prigione ma viene subito scarcerato per mancanza di prove. A quel punto, Callaghan decide di agire al di fuori della legalità.
  • Altri titoli:
    Dead Right
    Harry, el sucio
    L'inspecteur Harry
  • Durata: 192'
  • Colore: C
  • Genere: POLIZIESCO
  • Specifiche tecniche: PANAVISION, 35 MM (1:2.35) - TECHNICOLOR
  • Produzione: MALPASO COMPANY, WARNER BROS. PICTURES
  • Distribuzione: DEAR, PIC (1980), WARNER HOME VIDEO, DVD: WARNER HOME VIDEO (2008)
  • Riedizione 1980
  • Vietato 14

CRITICA

"Un capolavoro poliziesco urbano, diretto da Don Siegel con eccezionale senso del ritmo e della violenza. Sembra un film reazionario, ma una visione più attenta rivelerà motivazioni plausibili. Niente a che vedere con i successivi 'Callaghan'." (Francesco Mininni, 'Magazine italiano tv')

"Il film, anche se diretto con buon mestiere e interpretato da attori molto convinti del loro ruolo, non è di interesse tale da motivarne abbastanza la 'riedizione' se non sul piano del film d'azione all'americana ben impostato e, per conseguenza, tale da conservare ancora la sua presa spettacolare. Viceversa, esaminato nel contesto attuale della criminalità comune e di quella scatenata in nome di ideali pesudopolitici, la figura di 'Harry la Carogna' ripropone delle tematiche assai attuali: in primo luogo la figura del poliziotto che, in perenne pericolo di morte o di gravi lesioni personali, si trova nella continua tentazione di cedere alla violenza nell'azione e nei sentimenti a causa delle brutture che deve combattere. In secondo luogo, dalle situazioni descritte emerge la necessità di leggi e di apparati giudiziari che, tutelando i legittimi interessi dei cittadini e perseguendo adeguatamente la delinquenza, riescano da una parte a impedire gli abusi di tipo fascista da parte della polizia e, dall'altra parte, non concedano troppe scappatoie legali ai criminali che se ne avvalgono sino a creare quelle spirali di violenza contro le quali è poi troppo difficile reagire." ('Segnalazioni cinematografiche', vol. 89, 1980)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy