Il vento m'ha cantato una canzone

ITALIA - 1947
Un commendatore, proprietario di una fabbrica di cosmetici, ha fatto un contratto con Radio Sibilla per la trasmissione di un programma serale in cui vengano reclamizzati i prodotti della sua ditta. Il programma però non ha successo e il commendatore, arrabbiatissimo, telefona al direttore della radio per discutere della situazione. Risponde al telefono Paolo, il segretario, che non solo dà ragione al commendatore, ma esprime apprezzamenti offensivi nei riguardi del suo direttore, che nel frattempo è sopraggiunto alle sue spalle e dopo aver udito le sue parole, lo licenzia. Paolo in realtà è un musicista e sogna di sfondare. Dopo aver perso l'impiego, va a raccontare i suoi problemi a Laura, la proprietaria di un bar, cantante e ballerina a tempo perso: insieme ad altri amici, cantanti e suonatori, ideano un piano per raggirare il commendatore e farsi assumere in blocco per la trasmissione radio. Mentre il commendatore fa la corte a Laura, che si spaccia per una baronessa straniera, Paolo ed un suo amico cercano di catturare l'interesse della moglie dell'industriale e di una sua amica. Dopo una scenata in un locale notturno, in cui Paolo, in preda alla gelosia, ha schiaffeggiato il commendatore, lui e Laura si ritrovano al bar con gli amici. Sono comunque riusciti ad entrare in un circuito radio e trasmettono un programma di canzoni e musica jazz che sta riscuotendo grande successo. Il commendatore, entusiasta, diventa socio di Radio Sibilla e scrittura tutta la compagnia.

CAST

CRITICA

"Il film (...) puzza di copiatura americana lontano un miglio. E neppure (...) è divertente (...) l'umorismo c'è, ma (...) è di bassa lega. Merito (o demerito) di ciò va ad Ennio Flaiano (...). La regia a volte è vigile a volte lascia correre.Il film risente di questi squilibri". (E. Puccioni, "Hollywood", n. 32 del 1947).

"Si tratta di un mediocre film-rivista. Bella la canzone, dalla quale s'intitola il lavoro." ('Segnalazioni cinematografiche', vol. 33, 1953)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy