IL TENENTE DEI CARABINIERI

ITALIA - 1986
IL TENENTE DEI CARABINIERI
Al Tenente dei Carabinieri Duilio Cordelli una bella ragazza, ferma accanto ad una pompa di benzina, rifila una sera una banconota falsa da centomilalire. Poiché altre identiche già circolano in città, il Colonnello Vinci incarica l'ufficiale delle indagini. Sulla piazza è tornato un certo Lorenzini, falsario principe (dai quadri ai biglietti di banca) e Cordelli, che già un tempo lo fece imprigionare, lo contatta, ma non ne ricava nulla di concreto. Intanto, una rapina di ben sessanta miliardi viene praticata in danno della società Urban Security, agente anche per conto della Banca d'Italia e, mentre Cordelli riesce con i suoi uomini ad individuare una stamperia clandestina ed a ricuperarvi casse di banconote ritenute fasulle, gli nasce il sospetto che si tratti di un grosso ed astutissimo piano, ideato appunto da Lorenzini per imbrogliare i probabili soci, appioppando a questi le banconote false quale asserito frutto della rapina, per godersi in lidi tranquilli quelle autentiche. Ma Lorenzini viene trovato brutalmente assassinato in casa sua. Così Cordelli continua ad indagare, va in giro per l'Italia, acciuffa uno o due complici, ma alla fine dovrà recarsi con il suo Colonnello a Londra, perché il cervello della operazione - un certo Vasaturo - si è rifugiato là. Intanto a Roma la villetta cui la moglie di Cordelli tiene tanto è fatta saltare in aria. Poiché la Polizia inglese non ha elementi sufficienti per rilasciare Vasaturo, bloccato all'aeroporto mentre è in partenza per il Brasile, i due ufficiali dei Carabinieri con un atto di forza riescono ad imbarcare il boss della mala su di un aereo italiano diretto in Patria: dove il bravo Cordelli continuerà la sua vita in caccia di criminali, sperando che il suocero sia disposto a ricostruirgli la seconda casa in campagna.
  • Durata: 110'
  • Colore: C
  • Genere: COMMEDIA
  • Specifiche tecniche: PANORAMICA TECHNICOLOR
  • Produzione: C G SILVER FILM
  • Distribuzione: CEIAD - COLUMBIA TRISTAR HOME VIDEO, CECCHI GORI HOME VIDEO

CRITICA

La solita commediola all'italiana, con un buon cast di attori che naufraga però in un mare di banalità. Se ne può fare anche a meno. (Magazine tv) Una commediola all'italiana. Qualche trovata, un buon cast, tre episodi legano il tutto, ma mancano purtroppo le idee. (Teletutto) Questa recente commedia poliziesca si affida a un Enrico Montesano stranamente serio, una Marisa Laurito in agitazione come sempre e all'ex miss Italia Raffaella Baracchì. Il miglior fico del bigoncio è Claudio Botosso. (Laura e Morando Morandini, Telesette)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy