Il tallone d'Achille

ITALIA - 1952
Portato alla disperazione dalle vicende della vita, il cavalier Achille Rosso sta per uccidersi quando l'intervento di un losco affarista, lo strozzino Serafino, lo spinge a posticipare il suo proposito. Per il compenso di un milione, firma una polizza d'assicurazione sulla vita a favore di Serafino con il proposito che dopo aver vissuto allegramente per una settimana, si ucciderà. Dopo sette giorni di piaceri e follie di ogni genere, però, Achille non sente alcun desiderio di morire, mentre le dichiarazioni di un mattoide, che si fa passare per un illustre professore, gli fanno credere di essere diventato invulnerabile ed immortale. I fatti sembrano confermare le dichiarazioni dello pseudoprofessore e il caso del risorto Achille Pie' Veloce viene prospettato come un avvenimento prodigioso di interesse nazionale e mondiale. Achille passa in mezzo alle più fantastiche avventure: convinto della propria invulnerabilità, accetta la proposta di farsi lanciare sulla luna dentro un razzo radiocomandato. Quando capisce che la sua invulnerabilità è una fandonia, Achille si rifiuta di entrare nel razzo e scappa. Affronterà poi la fucilazione, pur di sottrarsi ad un matrimonio odioso; ma, per un caso straordinario, sfuggirà anche questa volta alla morte.

CAST

CRITICA

"Il film offre ben più di un semplice tallone agli strali della critica! ma dopo tutto appartiene ad una categoria di pellicole che una critica vera e propria non meritano. Diretto con svogliatezza, il soggetto è sciatto e noioso oltre che falso". (Alberto Albertazzi, 'Intermezzo', 18, 3 settembre 1952).
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy