Il resto di niente

ITALIA - 2004
Il resto di niente
La nobildonna portoghese Eleonora Pimentel Fonseca, la voce della rivoluzione partenopea del 1799, insieme ad altri giovani aristocratici napoletani, si batte per gli ideali di uguaglianza, libertà e fraternità. Ben presto però la lama della restaurazione si abbatte sui fondatori dell'effimera Repubblica: il loro sogno divenuto realtà si frantuma in mille pezzi, e non resta nulla ... "il resto di niente".
  • Altri titoli:
    The Remains of Nothing
  • Durata: 103'
  • Colore: C
  • Genere: DRAMMATICO, STORICO
  • Specifiche tecniche: 35 MM (1:1.85)
  • Tratto da: liberamente tratto dal romanzo omonimo di Enzo Striano (ed. Mondadori)
  • Produzione: MARIELLA LI SACCHI E AMEDEO LETIZIA PER FACTORY S.R.L., FILM CORSARI
  • Distribuzione: ISTITUTO LUCE (2005)
  • Data uscita 25 Marzo 2005

NOTE

- EVENTO SPECIALE ALLA 61MA MOSTRA INTERNAZIONALE DEL CINEMA DI VENEZIA (2004).

- FILM REALIZZATO CON IL CONTRIBUTO DEL MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITA' CULTURALI, DIREZIONE GENERALE PER IL CINEMA.

- DAVID DI DONATELLO A DANIELA CIANCIO COME MIGLIOR COSTUMISTA. IL FILM ERA STATO CANDIDATO ANCHE PER: MIGLIOR ATTRICE PROTAGONISTA (MARIA DE MEDEIROS) E MIGLIOR SCENOGRAFIA.

- CANDIDATO AL NASTRO D'ARGENTO 2006 PER: SCENEGGIATURA, FOTOGRAFIA, SCENOGRAFIA, COLONNA SONORA, COSTUMI.

CRITICA

"Il culto che circonda il romanzo di Enzo Striano 'Il resto di niente' avrebbe potuto travolgere la versione cinematografica. Ma la personalità di Antonietta De Lillo, con l'ottimo supporto di Giuseppe Rocca e Laura Sabatino in fase d'adattamento e sceneggiatura, riesce a scolpire un film notturno, vibrante e intenso che non ammicca alle decalcomanie illustrative e tantomeno al consueto orgoglio partenopeo spruzzato di utopismo politico. (...) Tutti gli attori sono eccellenti: da Rosario Sparno a Riccardo Zinna, da Enzo Moscato a Imma Villa, da Lucia Ragni a Raffaele Di Florio e tanti altri (compresa Pina Cipriani, la detenuta che canta), sparsi su un fondale verminoso o austero, mai trionfalistico, ma anzi tormentato da risucchi beffardi ed echi stordenti. Un viaggio nell'anima, dunque, che una regista importante intraprende come in una trance stilistica che non imbelletta i fantasmi degli umili e dei potenti e, a pensarci bene, neppure quelli dei rispettivi epigoni odierni." (Valerio Caprara, 'Il Mattino', 11 settembre 2004)

"Quello che vediamo è un film molto elegante e ricercato. Ma, se ricordate il film televisivo dedicato da Paolo e Vittorio Taviani a 'Luisa Sanfelice', l'eroina passionale e romantica che si affiancò a Eleonora nella Repubblica giacobina di Napoli, e se vi capiterà di mettere a confronto i due svolgimenti, vi accorgerete che mentre i due registi pisani, pur usciti sconfitti dal braccio di ferro con il feuilleton 'Elisa di Rivombrosa', hanno perseguito una strada aperta alla grande accessibilità, Antonietta De Lillo ha scelto un itinerario e uno stile più selettivi." (Paolo D'Agostini, 'la Repubblica', 12 settembre 2004)

"Rossellini, se ci sei batti un colpo. C'è. Nel film armonioso e luminoso di Antonietta De Lillo, dal libro di Striano, si narra il salotto giacobino e la veloce presa del potere di Eleonora Pimentel Fonseca. (...) Affidato a un concerto a più voci con i magnifici assolo, tra casa e prigione, di Maria de Medeiros intorno cui tramano cori di servi e borghesi, mentre il bravo Moscato fa il Filangieri." (Maurizio Porro, 'Corriere della Sera', 26 marzo 2005)

"Un intreccio storico che intreccia, alla Rossellini, canzoni e filastrocche (cultura 'bassa') al dibattito politico-filosofico dell'epoca, per molti versi ancora attualissimo. Condensando nelle ammalianti figurine dell'artista Oreste Zevola le scene di massa e i combattimenti che altri avrebbero usato per fare spettacolo, mentre qui vengono riassorbiti in un film a tratti appena venato di intellettualismo, ma capace di evocare pagine chiave della nostra Storia con raro trasporto e ammirevole acutezza". (Fabio Ferzetti, 'Il Messaggero', 25 marzo 2005)

"Il film povero, efficace, intelligente, si concentra nelle poche ore precedenti la fine della vita di Eleonora Pimentel. La donna era l'unica straniera, una delle poche donne, la meno giovane e la più colta del gruppo di patrioti della caduca Repubblica Partenopea: attraverso di lei il film vede, oltre all'esperienza e natura femminile, gli eventi storici dell'epoca. Viene in particolare sottolineata l'esigenza di lei di andare verso il popolo, di adottare un linguaggio e uno stile di scrittura dei giornali che fossero accessibili, semplici; e la sua critica verso quel tanto di aristocratico o di astratto che i suoi compagni parevano mostrare. Un ritratto di donna e di rivoluzionaria molto ben fatto; in un genere che le è famigliare, la regista è diventata ancora più brava." (Lietta Tornabuoni, 'La Stampa', 25 marzo 2005)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy