Il re degli zingari

King of the Gypsies

USA - 1978
Il re degli zingari
Per allargare la loro influenza sulle tribù zingare del Nord America, re Zharko e la regina Rachel da tempo hanno 'comperato' Rose, la figlia di Spiro Giorgio come moglie per il loro primogenito. Spiro però, accortosi che Groffo, il figlio di Zharko è un tipo selvaggio, vorrebbe rescindere il contratto e ricorre al consiglio degli anziani, che gli dà ragione. Ma Zharko rapisce Rose e la fa sposare con Groffo. Dalla loro unione nasce Dave, seguito dalla sorella Tita. Cresciuto in un ambiente difficile, fuggito e ripreso più volte, Dave tende più verso la società di coloro che non sono zingari. Lasciato il villaggio, Dave diventa cantante e cameriere, conosce e si innamora di Sharon, che lo induce a trasferirsi in una città balneare. Ma il morente re Zharko chiede di rivedere il nipote e, in punto di morte, gli consegna l'anello e il medaglione che lo consacrano 're degli zingari'. Al corrente di quanto ha stabilito il padre Groffo per Tita, il nuovo re tenta di salvare la sorella prima di partire per sempre.
  • Durata: 113'
  • Colore: C
  • Genere: DRAMMATICO, SOCIALE
  • Specifiche tecniche: 35 MM, PANORAMICA, TECHNICOLOR
  • Tratto da: ispirato al libro omonimo di Peter Maas
  • Produzione: FEDERICO DE LAURENTIIS PER DINO DE LAURENTIIS PRODUCTIONS
  • Distribuzione: CIC (1979)
  • Vietato 14

CRITICA

"Federico De Laurentiis, il giovane produttore di questo film ha dichiarato: 'E' la storia di una società nella società. Parla della libertà e dei limiti dell'essere umano e ci dimostra come queste forze essenziali si combinino tra di loro e lavorino attraverso lo spazio e il tempo, alla formazione di un nuovo leader'. Effettivamente, preso come biografia di Dave Stepanowicz, il dramma dimostra la presenza di fattori che lo estraniano sempre più dal clan di origine e fattori che lo attraggono verso la società americana. Da questa impostazione derivano gli elementi più positivi dell'opera che sono in definitiva le aspirazioni del giovane ribelle: divenire chirurgo per essere un benefattore; raggiungere una personalità aitonoma; essere libero tra uomini liberi; cooperare al progresso della propria gente. Ma questo film affronta anche un mondo tutto particolare: quello degli zingari, una minoranza etnica degna di rispetto e di amore, ricca di ataviche tradizioni, ma anche di disturbo per il resto della famiglia umana di cui non ha seguito le evoluzioni e, per cento ragioni, non ha assimilato certe leggi indispensabili per una pacifica convivenza." (Segnalazioni Cinematografiche, vol. 87, 1979)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy