Il più bel giorno della mia vita

ITALIA - 2001
Il più bel giorno della mia vita
La matura Irene vive in una vecchia villa alle porte di Roma, legata ai ricordi del suo passato. Il suo più grande cruccio è quello di non essere riuscita a trasmettere a nessuno dei tre figli (Sara, Rita e Claudio) l'attaccamento alla casa e al concetto di famiglia. Ma ognuno dei tre ha, in realtà, ben altri motivi di preoccupazione. Sara, infatti, dopo la morte del marito, vive praticamente reclusa e passa le serate ad aspettare il ritorno del figlio Marco con la paura costante che gli succeda qualcosa. Rita, l'altra figlia, è apparentemente realizzata nella vita. In realtà sotto la facciata serena nasconde un'insoddisfazione tale da non permetterle di avere rapporti sessuali con il marito. Infine Claudio, avvocato, vive di nascosto la propria condizione di omosessuale. Ma l'insoddisfazione e la monotonia stanno per essere scosse da una serie improvvisa, e inaspettata, di avvenimenti: Davide, un affascinante veterinario, irrompe nella vita di Rita. Sandro, un uomo misterioso, turba l'esistenza di Sara. Infine Luca induce Claudio a fare le proprie scelte e a dichiarare la propria omosessualità. Sullo sfondo i primi amori e le scoperte dei nipoti di Irene e dei loro amici e l'organizzazione della festa per la prima comunione, " il più bel giorno", della vita della figlia di Rita e Carlo.
  • Durata: 102'
  • Colore: C
  • Genere: DRAMMATICO
  • Produzione: CATTLEYA - RAI CINEMA
  • Distribuzione: 01 DISTRIBUTION
  • Data uscita 12 Aprile 2002

NOTE

CANDIDATO AI NASTRI D'ARGENTO 2002 PER IL MIGLIOR REGISTA, MIGLIORE SCENEGGIATURA, MIGLIORE ATTRICE NON PROTAGONISTA (MARGHERITA BUY, VIRNA LISI E SANDRA CECCARELLI)

CRITICA

"Ed eccoci tornati al polo religioso e a quello animale. Che però il film si limita a contrapporre un poco rigidamente, dribblando le questioni più spinose per riservare qualche speranza alla generazione dei nipoti. Col rischio di sfondare porte aperte (su questo terreno sono già passati, con maggior estro e incisività, Piccioni, Archibugi, Ozpetek, Virzì). Finale aperto e autoironico: alla bambina festeggiata regalano una videocamera. 'Così ora i filmini li farai tu, e saranno più realistici'. Appunto". (Fabio Ferzetti, 'Il Messaggero', 12 aprile 2002)

"Nelle intenzioni è un film corale sullo stato corale delle cose, ora che la rivoluzione sessuale e il costume del divorzio sono, come si dice 'a regime' e gli effetti sono diventati società. Nel risultato, la casistica rischia di diventare un trattato di sociologia, anche se la sensibilità cinematografica, umanistica, della Comencini riesce a sottrarre i personaggi dalle grinfie di Alberoni". (Silvio Danese, 'Quotidiano Nazionale, 12 aprile 2002)

"La formula corale è quella prediletta dalla regista romana quarantaquattrenne, soprattutto se vista nell'ambito di famiglie confuse ('Matrimoni', 'Liberate i pesci'); il film affronta con passione e con fatica un tema in qualche misura ingenuo, astratto, velleitario". (Lietta Tornabuoni, 'La Stampa', 12 aprile 2002)

"Film come 'Il più bel giorno della mia vita' sono necessari, preziosi per il modo in cui, sottintendendo lo sforzo di chi li realizza, si sforzano di aiutarci a capire la fluida, precaria realtà dei sentimenti con i quali dobbiamo convivere. E pazienza se la regista non si preoccupa troppo del linguaggio ma si limita a una direzione corretta e sobria, tutta funzionale alla recitazione dei bravi attori". (Roberto Nepoti, 'la Repubblica', 13 aprile 2002)

"Cristina Comencini sa dare compattezza alla vicenda, con la sensibilità che le si riconosce ed una fisicità quasi imbarazzante, i corpi mai involgariti da inutili amplessi, con quello sfiorarsi, toccarsi come segno d'amore, un segreto che sembrano possedere soltanto le donne. Virna Lisi è più che mai se stessa, ancora bella, consapevole, e forse un po' manierata. Come Margherita Buy, che immalinconisce progressivamente film dopo film. Sandra Ceccarelli ha il fascino dell'imperfezione, l'ironia borghese, l'amabile fragilità di chi non si è consumata in mille pellicole. Lo Cascio si aggiunge allo stuolo di attori ragazzini, bravini, carini, che il cinema italiano sembra prediligere. Guadiamoci allo specchio e smettiamola di farci del male". (Adriano De Carlo, 'Il Giornale', 14 aprile 2002)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy