Il peccato degli anni verdi

ITALIA - 1960
Elena, uscita di collegio per le vacanze, viene invitata da una sua amica a trascorrere un periodo di villeggiatura al mare. Qui, conosce un giovane industriale, Paolo Donati, il quale approfitta della sua inesperienza per sedurla. Elena, per vendicarsi di essere stata abbandonata, gli chiede un assegno a titolo di risarcimento. Questo suo gesto, suscita le ire dei genitori e il disprezzo dell'industriale. In realtà la ragazza aveva agito solo per impulso. L'intervento della madre convince il giovane a dichiararsi pronto a riparare al male commesso ma questa volta a rifiutare è Elena perchè vuole che Paolo maturi meglio la sua decisione.

CAST

NOTE

- PRESENTATO AL XIII FESTIVAL DI LOCARNO (1960) COL TITOLO "L'ASSEGNO".

- REVISIONE MINISTERO MARZO 1996

CRITICA

"Dove il terreno si è fatto improvvisamente instabile è stato con "Il peccato degli anni verdi" [...] (che) rifiuta un autore e non si mostra molto più scaltrito neppure sul piano di una generica pulizia strutturale. Volendo calcare la mano e dare completamente sfogo alla delusione, un richiamo alla tecnica dei telefoni bianchi sarebbe qui estremamente facile. Manca anche, purtroppo, il buon dialoghista Trieste [...]". (T. Ranieri, "Bianco e Nero", 7, luglio 1960).
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy