IL MOSTRO DELL'ISOLA

ITALIA - 1953
Un ufficiale delle guardi di finanza, il ten. Andreani, che ha una particolare esperienza della lotta contro i contrabbandieri di stupefacenti, viene inviato nell'isola d'Ischia, dove si sospetta che tale forma di contrabbando abbia uno dei suoi centri più importanti. Nessuno sospetta però che il capo dei contrabbandieri sia, come di fatto è, Don Gaetano, il benefattore dell'isola, colui, che ha fondato e mantiene a proprie spese un ospizio per i bambini malati o malaticci. Le indagini iniziate da Andreani irritano Don Gaetano, il quale per indurlo a desistere fa rapire la figlioletta del tenente. Questi non si lascia intimidire e si getta nella lotta con maggior impegno: fingendosi un intermediario, che vuol trattare l'acquisto della droga, Andreani si reca nel covo dei contrabbandieri, dove trova con sua sorpresa un'antica conoscenza, la cantante Gloria D'Auro. La donna però non lo denuncia e può continuare nella finzione. Con l'aiuto di Gloria, la bambina viene liberata: intanto Andreani coi suoi circonda la villa di Don Gaetano ed arresta i contrabbandieri. Ma il vecchio riesce a fuggire con la bimba, che ha ripreso dopo aver ferito mortalmente Gloria. Andreani insegue il delinquente e con l'aiuto di Zar, il fedele cane lupo, affezionato alla bimba, riesce a catturarlo, salvando la figlioletta.
  • Durata: 90'
  • Genere: POLIZIESCO
  • Produzione: FORTUNATO MISIANO PER ROMANA FILM
  • Distribuzione: SIDEN - ROMANA FILM

CRITICA

"(...) In questo insulso pasticcio che reca la firma di Roberto Montero, Boris Karloff si aggira angosciato, filantropo e mostro a ore fisse, chiedendosi chi glielo fa fare (...) Franca Marzi, in modo inatteso, riscatta certe sue precedenti "bidonate" con un' interpretazione dignitosa ". (Vice, "Festival", n. 88 del 4/9/1954).
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy