Il momento della verità

ITALIA, SPAGNA - 1964
Il momento della verità
Per fuggire la miseria della campagna, il giovane Miguel giunge a Barcellona, dove tenta i mestieri più diversi. Però ha molta fretta di arricchirsi e scopre che l'unica maniera per farlo è quella di affrontare il rischio dell'arena. Comincia a frequentare una scuola e poi, con raccomandazioni e molto coraggio, affronta il primo toro vero in una corrida di paese. Un impresario nota le possibilità di Miguel e ne fa ben presto un torero affermato. Comincia così la corsa alla ricchezza: Miguel vuole guadagnare il più possibile senza risparmiarsi, e si sottopone ad una serie fitta e spossante di prove. Ormai ha raggiunto la celebrità e l'agiatezza e viene accolto nell'alta società. Miguel comincia a sentire il peso della stanchezza e del destino che ha voluto scegliersi; ma non gli sarà più possibile sottrarsi alla tragica conclusione della sua breve carriera, che verrà stroncata sanguinosamente nel mezzo d'una corrida.
  • Altri titoli:
    El momento de la verdad
    The moment of truth
  • Durata: 110'
  • Colore: C
  • Genere: DRAMMATICO
  • Specifiche tecniche: TECHNICOLOR, TECHNISCOPE
  • Produzione: ANGELO RIZZOLI PER FEDERIZ (ROMA), A.S. FILM (MADRID)
  • Distribuzione: CINERIZ (1965) - DOMOVIDEO
  • Vietato 14

NOTE

- PRESENTATO AL FESTIVAL DI CANNES (1965).

- DAVID DI DONATELLO 1965 PER LA MIGLIOR REGIA A FRANCESCO ROSI.

- IL REGISTA USERA' PARTE DEL GIRATO PER UNA SERIE DI TRASMISSIONI TELEVISIVE.

CRITICA

"Nell'avvio del film ritroviamo il miglior Rosi, quello che sa far parlare i documenti, cogliendo la realtà con una forza di penetrazione che giunge ad interpretarla nel momento stesso in cui la fissa in immagini di icastica obiettività. (...) Nella prima parte i colori sono smorzati (...) nella seconda, invece, (...) si fanno squillanti (...). Non mancano commistioni di tono fra l'una e l'altra parte (...) la differenza c'è, e piuttosto evidente. In conclusione si può parlare di un film a due facce, ognuna delle quali presenta valori notevoli, che però non giungono a fondersi in sostanziale armonia." (Sandro Zambetti, 'Cineforum', 45, maggio 1965)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy