Il mistero di Lovecraft - Road to L.

ITALIA - 2005
Il mistero di Lovecraft - Road to L.
Nel 2004, una piccola troupe internazionale viene chiamata in Italia per collaborare con David, un attore di New York, nella realizzazione di un documentario sul possibile viaggio in Italia del famoso autore statunitense fantahorror H.P. Lovecraft, che ufficialmente, invece, non è mai uscito dagli Stati Uniti. A suffragare l'ipotesi del suo soggiorno in Italia c'è un suo manoscritto del 1926 ritrovato presso un antiquario di Montecatini nel 2002, nel quale Lovecraft descrive le sue ricerche lungo la strada per L. sulle favole narrate nel delta del Po, chiamate "Racconti del Filò". In più nel 1997 Andrea Roberti, uno studente di antropologia, aveva preparato una tesi universitaria proprio su questo stesso tema. In attesa di riuscire a intervistare Andrea, la troupe visita la Biblioteca Marciana di Venezia alla ricerca delle tracce di un'eventuale visita di Lovecraft. Quando finalmente viene intervistata la madre di Andrea si scopre che lui è sparito misteriosamente da anni, e la sua macchina è stata ritrovata abbandonata lungo le rive del Po. Questa scoperta crea dissapori tra David e il resto della troupe, e il disagio tra loro aumenta perché i rapporti con la popolazione locale, che non ama gli intrusi, si fanno sempre più difficili al punto che la loro guida li abbandona. Per il gruppo, non perdersi in un paesaggio sempre uguale e sottilmente pericoloso diventa via via più difficile finché la paura si impadronisce definitivamente di loro. Terrorizzato dopo una visita in una casa abbandonata, anche il fonico lascia il gruppo finché, grazie a un'intuizione linguistica di Simonetta, la perspicace segretaria di edizione americana, i tre superstiti trovano il bandolo della matassa...
  • Altri titoli:
    H.P. Lovercraft: the Terror Within
  • Durata: 92'
  • Colore: C
  • Genere: HORROR, FANTASY, DOCUFICTION
  • Specifiche tecniche: 35 MM , MINIDVCAM - DIGITALE
  • Produzione: ANDREA MAROTTI, PIER GIORGIO BELLOCCHIO E GIANLUCA CURTI PER MINERVA PICTURES, DIGITAL DESK
  • Distribuzione: MINERVA PICTURES E DIGITAL DESK

RECENSIONE

di Rosa Esposito
Il mistero di H. P. Lovecraft - Road to L. nasce dalla volontà dei due filmaker Roberto Leggio e Federico Greco di dimostrare l'esistenza di un legame tra le opere più celebrate dello scrittore horror e i racconti del Filò ancora oggi narrati in alcune zone del Veneto. Tutto ha inizio nel 2002, con il fortuito ritrovamento di un manoscritto in un banchetto di antiquariato di Montecatini. Il testo è firmato con uno degli pseudonimi usati da Lovecraft, Granpa Theo. Si tratta di una scoperta sensazionale: fino a quel momento si credeva che l'autore non avesse mai abbandonato gli Usa e in quelle pagine vi era invece la prova che, non solo era stato in Italia nel '26, ma si era ispirato alle tradizionali leggende del Polesine per The Call of Cthulhu e The Shadow Over Innsmounth. Da quell'esperienza sono stati ricavati prima un documentario e ora un road-movie che ricostruisce la spedizione intrapresa dai due registi nei luoghi descritti nel manoscritto e il mistero che si lega a doppio filo alle loro ricerche: la scomparsa nel '97 di Andrea Roberti, autore di una tesi che ipotizza un contatto tra Lovecraft e i membri di un'antica setta del paese di Loreo. Ben diretto, ben montato e ben sceneggiato (con qualche pecca in chiusura), Il mistero di H. P. Lovecraft - Road to L. è un piccolo gioiello nel panorama del cinema documentaristico italiano. In un crescendo di suspense, il film ricorda quell'affascinante operazione che è stata The Blair Witch Project, ma con la differenza che qui si narrano vicende veramente accadute. Fino al sorprendente finale sospeso tra realtà e romanzesco.

NOTE

- LA VOCE NARRANTE DI H.P.LOVECRAFT NELLA VERSIONE INGLESE E' DI ROBERT ENGLUND, NELLA VERSIONE ITALIANA E' DI ROBERTO HERLITZKA.

- VINCITORE DEL MÉLIÈS D?ARGENTO AL FANTAFESTIVAL 2005.
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy