Il mio nome è Shangai Joe

ITALIA - 1973
Il mio nome è Shangai Joe
Partendo da San Francisco, nel 1882, Shanghai Joe, un cinese abilissimo, va in cerca di lavoro. In un ranch alcuni cowboy, sicuri di sé, condizionano l'ingaggio ad alcune gare di destrezza, credendo di battere facilmente il cinese mingherlino che sembra non separarsi mai da un grande sacco. Ma Joe li batte in tutte le specialità e così viene ingaggiato da Kay, l'uomo di fiducia di Spencer, ricco affarista della zona, per trasferire mandrie di bestiame dal Messico. Ma, ben presto Joe scoprirà che, invece del bestiame, deve contrabbare lavoratori messicani. Affrontati dallo sceriffo e i suoi uomini, i pistoleros di Kay per fuggire più in fretta, uccidono i peones. Joe si ribella a questa ingiustizia e aiuta a fuggire un lavoratore ferito. Spencer, da questo momento, lo considera un traditore che deve essere eliminato. Con vari marchingegni ed agguati, Pedro il cannibale Scalp Jack tentano inutilmente di liquidarlo. Mikuja, anche lui cinese e educato dallo stesso maestro di Joe, il Venerabile Yang, affronta Joe. Ma non si possono usare le arti marziali giapponesi per fare del male...
  • Altri titoli:
    The Dragon Strikes Back
    My Name Is Shanghai Joe
    The Fighting Fists of Shanghai Joe
    Shanghai Joe
    To Kill or to Die
    Mezzogiorno di fuoco per Han-Hao
  • Durata: 95'
  • Colore: C
  • Genere: ARTI MARZIALI
  • Specifiche tecniche: TECHNISCOPE TECHNICOLOR
  • Produzione: RENATO ANGIOLINI E ROBERTO BESSI PER CBA
  • Distribuzione: JUMBO (1974) ; TECHNOFILM, GOLDEN VIDEO
  • Vietato 14

NOTE

- NE ESISTE UNA VERSIONE DI 100'.

CRITICA

"Un'avventura tenuta insieme da destrezze e abilità mirabolanti, ricavate dalla commistione di elementi del western all'italiana e del genere cinese; il tutto situato in ambiente che vuole essere esotico. La lealtà e la dirittura morale del protagonista, che combatte sempre per la giustizia e difende la dignità propria e altrui, è irrimediabilmente compromessa da tutta una serie di uccisioni e di eliminazioni studiatamente violente e spettacolarmente sadiche." ('Segnalazioni cinematografiche', vol. 76, 1974).
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy