IL MIO AMICO VAMPIRO

THE LITTLE VAMPIRE

GERMANIA, OLANDA, USA - 2000
IL MIO AMICO VAMPIRO
TRAMA BREVE
Il piccolo Tony Thompson si è da poco trasferito in Scozia con la sua famiglia. Ogni notte fa uno strano sogno che ha come protagonisti dei vampiri che attendono l'arrivo di una cometa. Spaventato, non riesce più a dormire sonni tranquilli e anche durante il giorno la sua vita non è delle più felici. A scuola ha difficoltà a fare amicizia con i nuovi compagni e il suo insegnante non gli rende le cose facili. Una sera entra nella sua stanza uno strano bambino, Rudolph Sackville-Bagg, che ha la sua stessa età ed è un giovane vampiro. Tony troverà in Rudolph un nuovo compagno di giochi e lo aiuterà nelle ricerche di una pietra magica di grande importanza per la famiglia Sackville-Bagg.

TRAMA LUNGA
Tony è un bambino americano di sei anni che si è da poco trasferito, con la famiglia, in un castello scozzese. La vita nel nuovo paese però non è delle più facili. Ha difficoltà a fare amicizia con i compagni di scuola che lo prendono in giro e la notte ha continuamente incubi sui vampiri. Un sogno ricorrente riguarda una pietra magica e dei vampiri che attendono l'arrivo di una cometa. Una notte arriva nella sua stanza il giovane vampiro Rudolph Sackville-Bagg. I due diventano presto amici. Tony aiuta Rudolph e la sua famiglia di vampiri a cercare la magica pietra che, usata in concomitanza con l'arrivo della cometa, ha il potere di ritrasformare tutti vampiri in esseri umani. A questo obiettivo però si frappone continuamente il crudele acchiappavampiri Rookery. Grazie all'intervento di Tony, Rookery sparisce dalla circolazione ed i vampiri possono ridiventare, finalmente, umani.
  • Altri titoli:
    DER KLEINE VAMPIR
    DE KLEINE VAMPIER
  • Durata: 92'
  • Colore: C
  • Genere: HORROR, FANTASY, AVVENTURA, FAMILY
  • Tratto da: DAL ROMANZO OMONIMO DI ANGELA SOMMER-BODENBURG
  • Produzione: COMETSTONE PICTURE, AURORA MEDIA, COMET FILM, STONEWOOD COMMUNICATIONS
  • Distribuzione: NEXO
  • Data uscita 8 Febbraio 2002

CRITICA

"Il cacciatore di vampiri è una carogna. I vampiri sono bravi e buoni, appartengono a una famiglia sventurata che da centinaia di anni, come l'Ebreo Errante, vaga per il mondo sperando di riuscire a liberarsi della propria penosa condizione e dall'eternità. Il vampiro bambino diventa amico di un suo coetaneo umano, passato bruscamente a vivere dalla metropoli americana in un paese verde e remoto della Scozia; quindi avventure, peripezie, equivoci molto carini, tratti dall'opera della scrittrice tedesca Angela Sommer-Bodenburg, tradotta in dodici lingue e venduta nel mondo in oltre dieci milioni di copie". (Lietta Tornabuoni, 'La Stampa', 8 febbraio 2002)

"Da un romanzo di successo della scrittrice Angela Sommer-Bodenburg, Uli Edel ricava un'avventura pulita, senza pretese, vagamente televisiva, lui che ha alle spalle un inquietante, ormai storico dramma sociale della droga ('Christiane F. noi i ragazzi dello zoo di Berlino')". (Silvio Danese, 'Il Giorno', 8 febbraio 2002)

"Più che un film ci sembra un tv movie per ragazzi, pieno di effetti speciali, un bel panegirico dell'amicizia con qualche trovata divertente, come le mucche vampiro che di notte se ne vanno volando a caricare il camion dell'ammazzavampiri, sulle note della 'Cavalcata delle Valchirie'. I geni tori/vampiri di Rudy sono Richard E. Grant e la rediviva Alice Krige". (Fabrizio Liberti, 'Film tv', 12 febbraio 2002)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy