Il mio amico Nanuk

Midnight Sun

CANADA, ITALIA - 2014
Il mio amico Nanuk
Luke è un ragazzino di 14 anni che, con l'aiuto di Muktuk, una guida locale che conosce alla perfezione i luoghi dove vivono gli orsi polari, ha deciso di sfidare la natura e le sue innumerevoli avversità per riunire un cucciolo di orso polare e sua madre. Durante la spedizione, però, Luke e il cucciolo verranno separati dal ghiaccio galleggiante dell'Artico e dovranno affrontare da soli orsi, iceberg giganti e pericolose tempeste di neve.
  • Durata: 98'
  • Colore: C
  • Genere: AVVENTURA
  • Specifiche tecniche: (1:1.85)
  • Tratto da: libro omonimo di Brando Quilici (ed. Sperling & Kupfer)
  • Produzione: KARINE MARTIN, BRANDO QUILICI, ROB HEYDON, KIM TODD PER MEDIA-MAX, BQ PRODUCTIONS, ORIGINAL PICTURES, ROB HEYDON PRODUCTIONS
  • Distribuzione: MEDUSA
  • Data uscita 13 Novembre 2014

TRAILER

NOTE

- FILM RICONOSCIUTO DI INTERESSE CULTURALE CON CONTRIBUTO DEL MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO-DIREZIONE GENERALE PER IL CINEMA; REALIZZATO CON LA PARTECIPAZIONE DI TELEFILM CANADA NORTHERN ONTARIO HERITAGE FUND CORPORATION MANITOBA FILM & MUSIC SHAW ROCKET FUND ONTARIO MEDIA DEVELOPMENT CORPORATION.

- EVENTO SPECIALE ALLA IX EDIZIONE DELLA SEZIONE AUTONOMA E PARALLELA 'ALICE NELLA CITTÀ' (IN COLLABORAZIONE CON IL FESTIVAL INTERNAZIONALE DEL FILM DI ROMA).

CRITICA

"Brando Quilici è figlio di Folco Quilici, il nostro maggiore documentarista, specie a contatto con la natura. Brando, da trent'anni, si è messo sulle sue stesse strade, specializzandosi principalmente in serie televisive in America e in Europa che hanno presto rivelato una sua passione per i ghiacci, come la storia di un uomo dell'era glaciale, dei documentari sull'Himalaya e uno sull'Artico che lo ha visto vivere per tre anni al Polo, non trascurando comunque i deserti e le tante vicende, spesso misteriose che, ai tempi degli Egizi, si sono svolte tra le loro sabbie roventi. Con il film di oggi, «Il mio amico Nanuk», torna ai ghiacci, nelle sconfinate ma ostili terre dell'Artico e con l'appoggio, per la regia, del noto regista canadese Roger Spottiswoode, ci racconta una storia avventurosa ma anche commovente (...). Tutto gentile, tutto addirittura affettuoso, specie quando sono di scena, tenerissimi, i rapporti fra Luke e il cucciolo d'orso dal pelo bianco, addestrato ma senza smancerie, in quelle cornici egualmente tutte bianche che sanno accogliere, con naturalezza totale, quanto vi accade in mezzo. Un film per chi ama la natura e le famiglie. (Gian Luigi Rondi, 'Il Tempo', 13 novembre 2014)

"Nell'ampia galleria di orsi da letteratura, diventati, dopo il successo in libreria, personaggi di film, cartoni e serie tv, si afferma, prima goffo, poi sempre più agile, il protagonista del 'Mio amico Nanuk' (...). Piccolo, bianco e peloso, il cucciolo del film (supportato, quando necessario, da adeguate controfigure) è l'irresistibile attrazione di una classica storia di amicizia tra uomo e animale. Le cronache dal set raccontano di notevoli difficoltà dovute alle riprese su distese di ghiacci in via di scioglimento, alle violente tempeste di neve, e, naturalmente, al fatto che pur, amandosi immensamente, Nanuk e Luke (Dakota Goyo) sono pur sempre mammiferi appartenenti a due specie diverse. II primo continuava a crescere scoprendo la sua indole di predatore, il secondo cercava di renderlo felice con doni alimentari. In mattinata Nanuk dava il meglio di sé, ma, dopo la pappa, guai a fargli saltare il riposino quotidiano. II risultato, sullo schermo, è elettrizzante, ma le dinamiche del dietro le quinte, tra debuttanti e future star, devono essere state simili a quelle dei film con attori privi di pelliccia. Tranne, presumibilmente, che sul piano delle relazioni interpersonali. Più autentiche, più strette, di sicuro più naturali." (Fulvia Caprara, 'La Stampa', 13 novembre 2014)

"Impossibile non innamorarsi di lui. Un metro e dieci di candido pelo in continuo movimento, il muso curioso infilato dappertutto, le zampotte sempre pronte a toccare e a giocare. Molto più di un peluche in carne e ossa: il compagno vero, affettuoso e leale, che tutti i ragazzi vorrebbero accanto. E' lo straordinario protagonista de 'Il mio amico Nanuk', bel film d'avventura (...). A firmarlo a quattro mani un'insolita coppia. Da una parte, per le scene dialogate con attori, il regista canadese Roger Spottiswoode, abituato a far cassetta con pellicole ricche di effetti speciali ('Sotto tiro', 'Air America', '007 - Il domani non muore mai'). Dall'altra, per le meravigliose riprese di animali nella spettacolare ambientazione dei ghiacci artici, il documentarista italiano Brando Quilici, autore di reportage e serie naturalistiche sia per National Geographic che per Discovery Channel nella scia della sessantennale attività di suo padre Folco (e del nonno Nello Quilici, scrittore e giornalista avventuroso morto nel 1940 a Tobruk, nel misterioso abbattimento dell'aereo del suo mentore Italo Balbo da parte della contraerea dell'incrociatore italiano San Giorgio)". (Maurizio Turrioni, 'Famiglia Cristiana', 13 novembre 2014)

"Piacerà ai coetanei del protagonista certamente. E anche naturalmente agli animalisti. Ma anche chi non appartiene alle 2 categorie avrà modo di rifarsi la vista con splendide scene artiche girate dal figlio di Folco Quilici." (Giorgio Carbone, 'Libero', 13 novembre 2014)

"(...) il film, a target famigliare e natalizio, gode anche di una meravigliosa fotografia." (Maurizio Acerbi, 'Il Giornale', 13 novembre 2014)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy