Il furto è l'anima del commercio..?!

ITALIA - 1971
Il furto è l'anima del commercio..?!
Giunto a Napoli in cerca di lavoro, Libero Sbardellone viene coinvolto, suo malgrado, nell'attività truffaldina dello zio della moglie, il barone Gaetano Gargiulo. Dopo essere finiti più volte in carcere per furti di modesta entità, Libero e Gaetano decidono di mettere in atto un grosso colpo che dovrà assicurare loro un tranquillo avvenire: il furto ad una ricevitoria del lotto, in occasione di un evento eccezionale, capace di moltiplicare il numero delle scommesse. Provocata una finta eruzione del Vesuvio, che convoglia verso la ricevitoria una folla di scommettitori, Libero e Gaetano, con la collaborazione di un gruppo di ex compagni di prigione, penetrano nell'interno della ricevitoria e si impossessano di sessanta milioni. Per un fatale equivoco il frutto del colpo finisce in un carro della Nettezza Urbana, mentre l'intera banda viene tratta in arresto dalla polizia al termine di un frenetico inseguimento.
  • Altri titoli:
    Io non gratto...rubo!
  • Durata: 105'
  • Colore: C
  • Genere: COMMEDIA
  • Specifiche tecniche: CINESCOPE EASTMANCOLOR
  • Produzione: DINO DE LAURENTIIS PER DE LAURENTIIS CINEMATOGRAFICA (ROMA) LES FILMS JACQUES LEITIENNE (PARIGI)
  • Distribuzione: CEIAD

CRITICA

"E' tutto un programma la bieca formula d'interpunzione al termine del titolo di questo film: evidentemente si intende affermare un principio ma nello stesso tempo moderarlo (...)."Vice, Il Resto del Carlino, agosto 1971)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy