Il destino nel nome - The Namesake

The Namesake

USA, INDIA - 2006
Il destino nel nome - The Namesake
Ashoke e Ashima lasciano Calcutta, subito dopo la celebrazione del loro matrimonio combinato, per andare a vivere a New York. Nella grande e affollata metropoli i due giovani devono cominciare una nuova esistenza, facendo i conti con il fatto di essere praticamente estranei l'una all'altro. La loro vita di coppia ha una svolta con la nascita di un figlio che Ashoke decide di chiamare Gogol, in omaggio al romanziere russo. Il nome, importante e altisonante, ha dei legami con un passato segreto e contiene la speranza di un futuro diverso e migliore. Ma la vita di Gogol non è semplice. Americano di prima generazione, sin da piccolo deve imparare a mediare tra le sue radici e la modernità per trovare una propria precisa identità. Mentre Gogol inizia una guerra personale con il suo mondo, rifiutando il suo nome, frequentando una ricca ragazza americana e iscrivendosi all'università di Yale, i suoi genitori si trincerano nelle tradizioni bengalesi. Le strade di genitori e figlio, però, sono destinate a incrociarsi, fin quando Gogol non aprirà finalmente gli occhi e capirà...
  • Durata: 122'
  • Colore: C
  • Genere: COMMEDIA, DRAMMATICO, ROMANTICO
  • Tratto da: romanzo "L'omonimo" di Jhumpa Lahiri (ed. Marcos y Marcos)
  • Produzione: MIRABAI FILMS, CINE MOSAIC, FOX SEARCHLIGHT PICTURES, ENTERTAINMENT FARM (EF) K.K., UTV MOTION PICTURES
  • Distribuzione: 20TH CENTURY FOX ITALIA (2007), DVD: 20TH CENTURY FOX HOME ENTERTAINMENT
  • Data uscita 1 Giugno 2007

TRAILER

RECENSIONE

di Boris Sollazzo
Jhumpa e Gogol. Nomi buffi e improbabili. La prima è una scrittrice americana, ma nata a Londra e di origine indiana, Jhumpa Lahiri. Il secondo è il suo protagonista, Gogol Ganguli, suo alter ego al maschile (come tutti i protagonisti dei suoi romanzi) nel romanzo L'omonimo. Libro di intima bellezza e sensibilità, grazie a Mira Nair ha visto un imprevedibile adattamento cinematografico, Il destino nel nome. Non prevedibile perché nella storia di immigrazione, contaminazione ed emancipazione della famiglia Ganguli c'era grande forza, ma anche un'apparente impenetrabilità. Quelle della Lahiri (a cui è stato ritagliato un cameo) sono pagine intense e silenziose, come i rapporti familiari che racconta, e Mira Nair, ispirata dall'immedesimazione e dall'opera, ha saputo donar loro movimento e dialogo. In questo modo libro e film non gareggiano, come spesso accade nei difficili rapporti letteratura-cinema, ma diventano complementari. La storia è di una complessa semplicità: Ashoke (Irrfan Khan) lavora negli USA e torna in India per prender moglie. Sceglierà una giovane e bellissima donna, Ashima (Tabu). Andranno a vivere negli Stati Uniti. Di qui percorriamo con loro venticinque anni, in cui il corpo è a New York e l'anima, soprattutto per lei, a Calcutta. Nasceranno due figli, che vivranno il dramma inverso. Una storia di immigrazione di prima e seconda generazione, attualissima. Una famiglia che vive, trasversalmente, il terremoto generazionale ed etnico, alienazione potenzialmente devastante, in cui ogni gesto può sembrare ribellione o repressione. Il centro di tutto è proprio Gogol, il destino del cui nome è fulcro e pretesto di questa piccola epopea familiare e universale. Un intenso e bravissimo Kal Penn, dopo essere diventato un eroe del cinema trivial-demenziale (Maial College, American Trip, Epic Movie) sorprende con una interpretazione sontuosa, sobria e completa come il mosaico che disegna la regista.

Per la recensione completa leggi il numero di giugno della Rivista del Cinematografo

NOTE

- PRESENTATO ALLA I^ EDIZIONE DI 'CINEMA. FESTA INTERNAZIONALE DI ROMA' (2006) NELLA SEZIONE 'PREMIÈRE'.

CRITICA

"Il sentimento che questo romanzo di vita con tocchi da melodramma esprime, amore e morte in prima linea è la sensazione di un misto dentro al cuore: il non essere né di qua né di là, né tradizionalisti né progressisti né indiani né americani, un continuo passare dalla vicinanza alla lontananza che non è solo una questione di viaggi. Lo sguardo bello e dolce, ma in fondo infelice, della madre (gli attori sono tutti straordinari) esprime questo dubbio e dà l'impronta sentimentale a una storia che si inserisce nel famoso 'nuovomondo' che anche Crialese ha raggiunto con gli italiani. Sono molto indovinati alcuni tocchi, la family life, il piccolo razzismo che serpeggia ovunque, il figlio architetto che sbanda per una yankee snob. Il ritmo del film è quello della vita, momenti lieti e-o tristi, anche insieme, si invecchia e si diventa più agiati, attenzione a distinguere contentezza e felicità, raccomanda l'autrice. E ci sono almeno due momenti da ricordare: la reazione della moglie alla notizia della morte del marito, quando accende tutte le luci della casa; e l'altrettanto improvvisa confessione della sposina che ammette di avere un affaire con un altro uomo che invece di Gogol ama Stendhal. Intanto 'Il cappotto' fa da complice e testimone alla storia che la furba Nair gira benissimo, con tutti gli incroci della commozione come un melò dell'antica Hollywood. Che non diventa mai Bollywood se non nei momenti delle cerimonie che sono sempre però psicologici e mai solo coreografici. Mentre escono in Italia film che riguardano la cultura indiana la regista di 'Salaam Bombay' riprende con pura fiction le fila delle contraddizioni. E con un piglio di racconto che chiama a raccolta tutti i sentimenti senza preferenze, spargendo corone di fiori ma anche ironia. Tanto è vero che la soluzione finale è proprio quella di accettare la vita in viaggio, il continuo movimento come salvaguardia dell'identità. Forse è un concetto antico, molto romantico, ma che si addice bene ai tempi multietnici in cui stiamo vivendo." (Maurizio Porro, 'Corriere della Sera', 16 ottobre 2006)

"Con 'The Namesake' ('Il destino nel nome'), dal romanzo dell'indiana americanizzata Jhumpa Lahiri, Mira Nair racconta le famiglie della diaspora, i conflitti domestici, la distanza generazionale e insieme culturale che forgia corpi e gesti dei personaggi. (...) Quelle radici rimosse senza nemmeno conoscerle tornano con imprevista violenza, tutta la sua vita passata assume un senso nuovo. Anche perché stavolta Mira Nair non cede al pittoresco, o meglio lo manovra con abilità e discrezione. Infatti le cose più emozionanti di questo film sempre in bilico fra il pudore e l'effusione sono quelle appena accennate, le famiglie d'origine di lui e di lei (con il suocero a Calcutta che dedica preziosi acquerelli alla nascita del nipote), i sentimenti mai dichiarati ma sempre più forti fra i genitori, sposatisi per volere della famiglia, e via suggerendo. Una bella crescita per la regista di 'Salaam Bombay' e 'Monsoon Wedding'. E una nuova bandiera sulla mappa del cinema globalizzato e meticcio". (Fabio Ferzetti, 'Il Messaggero', 17 ottobre 2006)

""Mira Nair, specialista in esotismi liofilizzati che abbindolano le giurie dei festival (inclusa quella che a Venezia presiedeva Nanni Moretti), ha distillato la solita miscela di India tradizionale in contrasto con gli Stati Uniti pragmatici nel 'Destino nel nome'. Dice la sua pubblicità: 'I viaggi più belli sono quelli che riportano a casa'. Sì, ma solo quando sono stati viaggi d'emigrazione, come quella di una coppia indiana che ha un figlio a New York nel 1977 e lo chiama Gogol. Il destino del ragazzo ruota attorno al nome, ispirato da quello dello scrittore russo. Che è un pretesto flebile, a dir poco. Per vedere un po' di Calcutta, il film va bene; per capire l'India, no." (Maurizio Cabona, 'Il Giornale', 17 ottobre 2006)

"Mira Nair, pur ispirandosi al romanzo 'L'Omonimo' di Jhumpa Lahiri in questo 'Il destino nel nome' porta la sua esperienza diretta nell'inquadrare il racconto. Si è infatti laureata due volte, prima a Delhi, poi a Harvard. Conosce quindi benissimo la lacerazione della doppia cultura, quella d'origine e quella acquisita, talvolta così lontane da rendere problematiche le scelte individuali. E da questa esperienza mette in scena un film che scorre nell'arco di trent'anni mostra generazioni diverse, con un affetto nei confronti dei personaggi che dà il tono a un film che rischierebbe il melodramma a tinte forti. Certo, non manca qualche indulgenza matrimoniale, nel senso che la cerimonia molto teatrale esercita sulla regista un fascino irresistibile, ma nell'insieme le emozioni sono calibrate e appassionanti. Nonostante si tratti di un tema più volte affrontato, è bandito il manicheismo, le contraddizioni sono esplicitate senza moralismi ma non si affonda nel luogo comune, tantomeno nella tragedia che non appartengono al bagaglio di Mira Nair, più propensa a tratteggiare l'animo umano e i rapporti interpersonali. E in questo quadro buona parte del merito va a Tabu, l'attrice indiana che interpreta il personaggio della madre, vero collante del film e della famiglia, una straordinaria scoperta, almeno per noi, perché in patria è conosciutissima." (Antonello Catacchio, 'Il Manifesto', 1 giugno 2007)

"Sulla falsariga di un romanzo della premiata scrittrice Jhumpa Lahiri, la regista indiana Mira Nair mette a fuoco una dialettica interiore che lei stessa ha sperimentato nel corso della sua carriera: in un mondo dove sempre di più i confini politici e culturali perdono significato, quanto si può (e si deve?) conservare della propria originaria matrice etnica? Un po' appesantito da un eccesso di divagazioni, 'Il destino nel nome' evidenzia bene il senso del libro spostando più volte la scena tra il Queens e Calcutta. Gli interpreti sono molto comunicativi, da Karl Penn all'esordiente bellissima Tabu a Irfan Khan, che al suo paese è un divo." (Alessandra Levantesi, 'La Stampa', 1 giugno 2007)

"La regista di 'Salaam Bombay', 'Mississippi Masala' e 'Monsoon Wedding' torna con 'Il destino
del nome' a raccontare il proprio vissuto nell'incontro, non facile ma animato da curiosità e apertura, tra radici, tradizioni e identità indiane e mondo occidentale moderno. Lo fa attraverso l'adattamento di un romanzo di Jhumpa Lahiri che in 'The Namesake' ('L'omonimo') racconta la propria esperienza di sradicata e di americanizzata." (Roberto Nepoti, 'la Repubblica', 1 giugno 2007)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy