Il corsaro dell'isola verde

The Crimson Pirate

USA, GRAN BRETAGNA - 1952
Un brigantino di pirati, agli ordini del celebre capitano Vallo, cattura nel Mar dei Caraibi un galeone spagnolo con armi, munizioni e 200 soldati, al comando di Don Josè Gruda, mandato a combattere i rivoltosi dell'isola Salina, guidati da El Libre. Vallo decide di vendere le armi ai ribelli, ma intanto finge di accettare le proposte di Don Josè che gli offre 50.000 fiorini per la consegna di El Libre. La nave giunge nel porto: durante la notte Vallo scende a terra con un uomo della ciurma, e incontra Consuelo, figlia di El Libre, dalla quale apprende che suo padre è in prigione. Egli le promette di liberarlo e, insieme a lei, ritorna sul galeone, dove indossa gli abiti di Don Josè, mentre i marinai vestono le uniformi dei soldati. Preso per l'inviato del Re, Vallo puo' liberare El Libre e lo scienziato Prudence; ma, riconosciuto, deve rifugiarsi con gli altri sul galeone. Qui i pirati che speravano di poter vendere le armi, avendo compreso che Vallo vuol regalarle agli insorti, si ammutinano. Nel conflitto El Libre viene ucciso; Vallo e Prudence, incatenati, vengono calati in una barca e abbandonati alla deriva. Essi pero' si salvano e sbarcano incolumi. Messosi a capo dei ribelli, Vallo sgomina gli avversari, riconquista il galeone e libera l'isola.

CAST

NOTE

- IL FILM E' STATO GIRATO QUASI INTERAMENTE A ISCHIA E DINTORNI.

CRITICA

"Malgrado la superficialità dell'argomento, il lavoro tecnicamente assai pregevole costituisce uno spettacolo interessante e divertente. Alcune sequenze hanno il sapore di parodia." (Segnalazioni cinematografiche, vol. 33, 1953)

"Divertentissima, sgargiante e briosa parodia del cinema della filibusta. Il tedesco, immigrato nel Tennessee Robert Siodmark (La scala a chiocciola, Doppio gioco) mette beffardamente alla berlina, con idubbio senso dello spettacolo, gli eroi immortalati da chilometri di celluloide. Lo spavaldo Burt Lancaster, sorriso da conquistatore e muscoli da esposizione, fa il verso con insolente ironia al mitico re del cinema d'azione, Douglas Fairbanks, saltabbeccando da una parte all'altra dell'isola d' Ischia."
(Massimo Bertarelli, Il Giornale, 31 gennaio 2003)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy