IL CORPO DELL'ANIMA

ITALIA - 1998
Ernesto, ricco vedovo di 64 anni senza figli, abita da solo in una grande casa di un quartiere borghese di Roma. Da solo passa anche gran parte delle giornate, vivendo la solitudine come scelta consapevole e in fondo soddisfacente. Sceneggiatore per il cinema, inattivo da tempo, accetta la proposta di un regista pubblicitario di lavorare ad un copione sulla vita di Teresa d'Avila. Venutagli a mancare la cameriera filippina, Ernesto assume la giovane Luana, che si occupa delle pulizie del condominio. Luana è ignorante e goffa, vitale e sensuale, tanto efficiente sul lavoro quanto seduttiva nei movimenti e negli atteggiamenti. Ernesto si sente sempre più attratto da lei, e la convince ad allungare l'orario di lavoro con permanenze anche notturne. Luana ha comportamenti bizzarri, sessualmente eccentrici e provocatori. Ernesto vorrebbe averla in esclusiva, la invita ad una vacanza ad Ischia, si espone con lei in pubblico. Ma poi Luana ritorna alla logica della provocazione, e, rientrati a Roma, scompare. Due anni e mezzo dopo, Ernesto e Luana si incontrano per caso. Lei si è sposata ed ha una bambina. Lui ha gravi problemi con il cuore e teme l'arrivo di un nuovo infarto. Si lasciano andare alla commozione, ed Ernesto compie l'ultimo gesto di generosità: trasferisce a Luana la nuda proprietà della propria casa, oltre ad una somma depositata in banca.
  • Durata: 105'
  • Colore: C
  • Genere: DRAMMATICO
  • Produzione: ENZO GALLO
  • Distribuzione: LION PICTURES (1999)
  • Vietato 18

NOTE

BRANI DI MUSICA CLASSICA SELEZIONATI DA SALVATORE PISCICELLI.
REVISIONE MINISTERO OTTOBRE 1999

CRITICA

"Il napoletano Salvatore Piscicelli, che dell'autore è tra i pochi nel cinema italiano di oggi a conservare intatto il pedigree (e della creatività napoletana è portatore da molto tempo prima che questa diventasse un fenomeno alla moda), ha realizzato un'opera coraggiosa, un'opera probabilmente non riuscita del tutto ma semplice e complessa al tempo stesso come sono sempre le opere che esprimono autenticità, che mette in scena ciò cui di solito il cinema artistico allude soltanto". (Paolo D'Agostini, 'Annuario del cinema italiano 1999/2000')
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy