IL CHIROMANTE

ITALIA - 1941
Il giovane Candido, garzone in una giostra di cavalli, è il beniamino di una banda di monelli che hanno formato una tribù di "mohicani" e lo hanno eletto loro "capo bianco". Truccatosi da chiromante per sfuggire alle ire di un omaccione, si innamora di una ragazza che era entrata nel baraccone per farsi leggere la mano. Un giovanotto, capo di una losca cricca di falsari, tenta di attirare nella sua rete la graziosa fanciulla, fioraia di un locale notturno, ma Candido sventa le sue perverse trame, lo smaschera, e con l'aiuto dei suoi fedeli "mohicani" libera la fanciulla che i malviventi tenevano prigioniera.

CAST

NOTE

DIRETTORE DI PRODUZIONE: LIBORIO CAPITANI
AIUTO REGISTA: JULIO DE ROMERO
FONICO: LUIGI MONDINO

CRITICA

"(...) Gli autori del film hanno abbandonato il filone grottesco che poteva offrire qualche buona occasione a Macario per imbarcarlo in una vicenda farsesco sentimentale, ricalcandola su uno schema vecchio ed esaurito. (...) Le situazioni, specialmente quelle della baruffa tra Macario e i falsari, nel covo di questi ultimi, abbisognavano per essere rinnovati di un minimo di invenzione comica (...)". (S. De Feo, "Il Messaggero" 26/10/1941)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy