IL BRIGANTE MUSOLINO

ITALIA - 1950
Giuseppe Musolino, giovane carbonaio calabrese, fa la corte alla bella Mara; ma il padre di lei vorrebbe che sposasse Don Pietro, capo della mafia. Il giorno della festa del paese, Musolino ha una violenta lite con Don Pietro: verso sera questo viene assassinato. Musolino è del tutto estraneo al delitto, dovuto alla mafia: malgrado questo, il giovane carbonaio viene arrestato e processato. Le deposizioni di tre testimoni falsi lo fanno condannare a ventun'anni. Evaso dal carcere dopo due anni, Musolino uccide durante una processione, uno dei testimoni, poi fugge sui monti: qui lo raggiunge Mara. La vendetta non e ancora completa: un altro dei suoi accusatori deve pagare il fio. L'ultimo dei testimoni falsi è un medico, che però viene risparmiato da Musolino. Braccato non soltanto dalla polizia, ma anche dai sicari assoldati dal vero assassino, Musolino decide di tentare la fuga all'estero insieme a Mara, ch'è incinta. Prima di partire vogliono confessarsi, ma si vedono negata l'assoluzione. All'uscita dal santuario, Mara viene uccisa per errore dall'uccisore di Don Pietro: Musolino la vendica, uccidendo, dopo una lotta corpo a corpo, l'assassino. Poi si costituisce ai carabinieri.

CAST

NOTE

- MUSICA AUTORI NON ACCREDITATI: ANTONIO LEONVIOLA, MARIO MONICELLI, STENO.

- DIRETTORE D'ORCHESTRA: FRANCO FERRARA

- DIRETTORE DI PRODUZIONE: LUIGI DE LAURENTIIS.

- FONICO: BIAGIO FIORELII E ENRICO PALMIERI.

- TRUCCO: OTELLO FAVA.

- ARREDAMENTO: MOGHERINI FLAVIO.

- AIUTO REGISTA: SERGIO LEONE.

- ISP. DI PRODUZIONE: RENATO DE PASQUALIS.

- POSITIVO INFIAMMABILE ALLA CINETECA NAZIONALE 16 MM.

- NASTRO D'ARGENTO A U. SPADARO COME MIGLIORE ATTORE NON PROTAGONISTA.

- AL FESIVAL DI PUNTA DEL ESTE IL FILM OTTENNE IL PREMIO PER LA MIGLIOR FOTOGRAFIA.
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy