I protagonisti

The Player

USA - 1992
I protagonisti
Griffin Mill, dirigente di una società cinematografica, passa ore a farsi riassumere "in 25 parole" progetti da tradurre in film. Griffin è tempestato da messaggi minacciosi e quando ne trova l'autore non esita a porre drasticamente fine alle minacce. Non contento, ne circuisce anche la fidanzata e per lei lascia la sua segretaria-amante Bonnie. Nel frattempo Larry Levy, un altro arrivista ed eterno rivale di Griffin, cerca in ogni modo di carpirgli il posto. Malgrado gli sforzi della detective Susan Avery per risolvere il caso di omicidio, la polizia viene beffata e Mill sembra rimanere impunito. Il mondo del cinema continua a dettare le sue leggi avide e brutali, dando ai furbi e ai cinici lavoro, potere e quattrini. E nella fabbrica dei sogni - tra rivalità, cattiverie, sesso, violenza e denaro - continuano a circolare soggettisti e sceneggiatori inclini ad ogni compromesso. Fra loro, imperterrito e inquietante, il malvagio sconosciuto continua a perseguitare Griffin Mill al telefono e con truci messaggi.
  • Durata: 124'
  • Colore: C
  • Genere: DRAMMATICO
  • Specifiche tecniche: 35 MM (1:1.85) - DE LUXE
  • Tratto da: romanzo omonimo di Michael Tolkin
  • Produzione: DAVID BROWN, MICHAEL TOLKIN, NICK WECHSLER E SCOTT BUSHNELL PER AVENUE PICTURES PRODUCTIONS, GUILD, SPELLING ENTERTAINMENT
  • Distribuzione: PENTA DISTRIBUZIONE - VIVIVIDEO, DE AGOSTINI, PANARECORD

NOTE

- PREMI PER LA MIGLIOR REGIA (ROBERT ALTMAN) E LA MIGLIOR INTERPRETAZIONE MASCHILE (TIM ROBBINS) AL 45MO FESTIVAL DI CANNES (1992).

- NASTRO D'ARGENTO 1993 COME REGISTA DEL MIGLIOR FILM STRANIERO A ROBERT ALTMAN.

- CANDIDATO ALL'OSCAR 1993 PER MIGLIOR REGIA, MIGLIOR SCENEGGIATURA NON ORIGINALE E MIGLIOR MONTAGGIO.

CRITICA

"Tim Robbins ("Batman") si muove bene nella parte del produttore invasato dal suo ruolo ferocemente pragmatico, mentre gioca a scacchi disegna con intelligenti sfumature la donna che, pur sospettandolo, sposa l'assassino del suo fidanzato." (Alfio Cantelli, 'Il Giornale')

"Film satira su Hollywood intelligente e divertente." (Lietta Tornabuoni, 'La Stampa')

"Ritrovare un desasperecido vale qualche franca risata e un po' di gratificazione reducistica." (Valerio Caprara, 'Il Mattino)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy