I nomadi

The Sundowners

GRAN BRETAGNA, AUSTRALIA - 1960
Paddy Carmody, un australiano di origine irlandese, si sposta da un paesino all'altro con la moglie Ida e il loro figlio Sean per consegnare le greggi di pecore che gli vengono affidate. Un giorno, nella cittadina di Bulinga, i tre si accampano dinanzi a una casa in vendita e Paddy si accorge che Ida e Sean la guardano desiderosi di avere un posto in cui vivere. Paddy invece non ha alcuna voglia di abbandonare la sua vita nomade e cerca un aiutante che li accompagni nei loro viaggi e li faccia sentire meno soli. La scelta ricade su Rupert che riesce rapidamente ad entrare a far parte del gruppo. Dopo qualche tempo, Ida convince Paddy ad accettare il lavoro di tosatore in un ranch. Lei viene assunta come cuoca e il piccolo Sean in qualità di aiutante ed entrambi sono contenti della loro nuova vita. Paddy, che non è felice, si lancia insieme a Rupert nel gioco d'azzardo e, con una mano fortunata, riesce a vincere 200 sterline e un cavallo. Ida allora vorrebbe convincerlo a comprare quella casa a Bulinga, ma la sorte non è sempre dalla parte di Paddy che perde tutto il denaro. Forse non sono destinati a diventare sedentari.

CAST

CRITICA

"Il regista questa volta non sembra abbia voluto mettere sul tavolo forti problemi, ma quello appena accennato della libertà che impegna anche quello familiare, è trattato con mano leggera sì, ma con molta grazia, molto buon gusto e con mano felice. Tutto nel film è nei personaggi: caratterizzati con brevi tocchi i minori, più approfonditi i principali i quali riescono così a rendere viva e varia la loro vicenda familiare e quella maniera di vivere un po' lontana dalla nostra. Il dialogo è semplice, umano e spiritoso: buono il commento musicale di Tiomkin. Ottima l'interpretazione di tutti soprattutto quella della Kerr." ('Segnalazioni cinematografiche', vol. 50, 1961)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy