I FUORILEGGE

ITALIA - 1950
I FUORILEGGE
In un paese della Sicilia, un giovane, che in seguito all'azione di propaganda dei maggiorenti separatisti, s'è dato alla macchia per partecipare alla lotta, si vede abbandonato da tutti e trattato da bandito, quando il separatismo è battuto. Una ragazza del paese, innamorata di lui, è divenuta la sua amante: i due vorrebbero sposarsi, ma l'incerta esistenza del fuorilegge costituisce per un certo tempo un ostacolo insormontabile. Il fratello della ragazza, tornato in paese dall'estero, nutre propositi di vendetta verso il bandito, che ha rovinato sua sorella. Emerge in questa complicata vicenda la losca figura d'un avvocato, che dopo aver indotto l'attuale bandito a gettarsi alla macchia, stimola ora subdolamente l'azione contro di lui. Il bandito, che nel frattempo ha sposato la sua amante, viene ucciso in un conflitto coi carabinieri; mentre il perfido avvocato, per quanto additato al generale disprezzo salva la pelle e resta impunito.
  • Durata: 95'
  • Colore: B/N
  • Genere: DRAMMATICO, SOCIALE
  • Produzione: CARLO INFASCELLI PER ROMA FILM
  • Distribuzione: ROMA FILM - AVO FILM

NOTE

TITOLO PROVVISORIO: MONTELEPRE (CON RIFERIMENTO AL BANDITO GIULIANO).
ASSISTENTE ALLA REGIA: FRANCO ROSSI.
DIRETTORE DI PRODUZIONE: GIANNI SOLITRO.

CRITICA

."[...] è un film di nessun peso [...] quello che accade nel film è di una genericità e inutilità deprimenti. I personaggi aspettano per un'ora e mezza la parola "fine" senza sapere con precisione cosa fare [...]. Per dare al film una certa drammaticità è stata inserita la figura di un antagonista: il fratello della ragazza del bandito. Ma il suo compito si esaurisce con uno schiaffo alla sorella e una partita a pugni col fuorilegge [...]".(L. Sechi, "La Settimana Incom Illustrata", 15/7/1950).
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy