I figli non si toccano!

ITALIA - 1978
I figli non si toccano!
Don Raffaele Sapienza, indiscusso capo della guapperia partenopea è preoccupato perché degli sconosciuti hanno ucciso i due figli di Vincenzo che imprudentemente hanno accettato di acquistare in proprio della merce di contrabbando. I medesimi sconosciuti criminali rapiscono, a scopo di ricatto, il piccolo Alfonsino, figlio dell'ing. Mimì Fiorito e di Maria, la donna che lo ha sposato abbandonando Raffaele quando non era ancora un boss ed era incappato in un periodo di prigione. Quando i briganti, ottenuta una grossa somma, non stanno ai patti ed esigono altrettanto, la disperata Maria ricorre a Don Raffaele. Questi, mettendo in disparte ogni risentimento e non badando neppure alle malignità che vengono diffuse dalla gelosa Gloria, mette in movimento tutta la Napoli del contrabbando e dei mezzucci. Viene diffuso un identikit del "Francese", presunto capo della banda straniera; dagli stessi contrabbandieri, che si autotassano, viene raccolta la nuova somma per il riscatto di Alfonsino; tutti i telefoni vengono messi sotto controllo da mendicanti e rivenduglioli; individuato il Francese, viene pedinato dall'intera "guaglioneria". Don Raffaele e i suoi possono così individuare la nave ove il piccolo è sequestrato e, sgominata la banda criminale, lo possono salvare. Mimì Fiorito è costretto a riconoscere la nobiltà del rivale e l'infondatezza delle accuse allo stesso e alla moglie Maria.
  • Durata: 97'
  • Colore: C
  • Genere: DRAMMATICO, AVVENTURA
  • Specifiche tecniche: VISTAVISION
  • Produzione: ROXY INTERNATIONAL 67
  • Distribuzione: ROXY STAR (1979) - EUREKA VIDEO

CRITICA

"E' forse nato un nuovo genere, napoletano d'ambientazione, di spirito e di costume. Le storie sono diverse, ma la concezione è identica: il protagonista è un noto esponente della canzonetta partenopea (Mario Merola, Pino Mauro) che, funge da guappo o torna al banditismo trascinato dalle circostanze, finendo per capeggiare una popolazione da 'corte dei miracoli' al di fuori della legalità, ma in sostanza esponente di tutta una serie di valori tradizionale e sostanziali. (...) Comunque, abbastanza fresca per la sua impronta da 'sceneggiata all'antica', la pellicola è di una correttezza assoluta e tale da indurre a pensare che sarebbe molto bello se la società fosse davvero così." ('Segnalazioni cinematografiche', vol. 86, 1979)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy