I due figli di Trinità

ITALIA - 1972
Figli dei fratelli Trinità, Franco e Ciccio hanno aperto nel West una stazione di servizio per cavalli, carrozze e cow-boys in transito. L'efficienza degli impianti attira una buona clientela: Jack Gordon, Sartana, Ringo. Qualcuno, come Django, riesce a mangiare gratuitamente. Requiem, che con i suoi ha depredato la stazione, viene fermato da Calamity Jane, zia dei due proprietari, e affidato allo sceriffo. La zia, poi, consegna a Franco e a Ciccio una parte di una mappa di un tesoro, di cui è depositaria, inviandoli alla conquista di detto tesoro. Ma con l'aiuto di Lola, il baro "4 Assi" riesce a impadronirsi della mappa e a precedere i cugini presso il tesoro (dovrà poi cederlo). Di nuovo alla stazione, i due vengono raggiunti dalla banda di Cium Cim Ciampa: anche questa volta, grazie all'intervento di un drappello di frati, che hanno in precedenza aiutato, Franco e Ciccio hanno la meglio. Con denaro ereditato, ingrandiscono e ammodernano la stazione, che diviene centro di visitatori, clienti e carovane.

CAST

CRITICA

Basato su un'idea abbastanza felice, questo western comico non è stato servito da una sceneggiatura e da una regia adeguate. Al di là di qualche scena validamente movimentata, si trascina piuttosto sciattamente alla ricerca di battute umoristiche e di effetti, lasciando così all'impianto generale l'obiettivo della caricatura del genere western. Qualche battuta grossolana e la presenza buffonesca di un drappello di frati maneschi, non sono sufficienti a guastare l'innocenza globale di questo popolaresco spettacolo. (Segnalazioni Cinematografiche).
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy