I CONTRABBANDIERI DEL MARE

ITALIA - 1948
in un paesetto della costiera napoletana, i pescatori esercitano normalmente il contrabbando. Dai piroscafi, la merce, chiusa in caschi impermeabili e galleggianti, viene gettata in mare: i pescatori la ripescano di nottetempo e la portano atterra. La Finanza ha dei sospetti, sorveglia i pescatori e vorrebbe coglierli sul fatto; ma non vi riesce. Ciò nonostante i rapporti tra finanzieri e pescatori sono, almeno in apparenza, buoni, Ma un giorno accade un fatto grave: un finanziere, che per caso è venuto a conoscenza di certi pericolosi segreti, viene ucciso. I rapporti tra tutori dell'ordine e contrabbandieri, s'inaspriscono: è corso del sangue e i colpevoli dovranno pagare. I pescatori del paese sanno però che nessuno di loro ha commesso il delitto: si tratta certamente di persona estranea al loro ambiente. Per dimostrare la loro innocenza, contribuiranno all'arresto del presunto colpevole, al quale tendono un tranello. Attraverso il sacrificio di uno dei pescatori, il vero colpevole può infatti essere arrestato. Lieti di aver respinto da sé l'ingiusta taccia di assassini, i pescatori potranno ora affrontare serenamente le conseguenze della loro attività illecita.

CAST

NOTE

AIUTO REGISTA: PIERO MUSSETTA

CRITICA

"Un film meno modesto nelle intenzioni che nei risultati. Con il gruppo di artisti a disposizione si poteva e si doveva fare di meglio [...]. Riconosciamo la buona volontà, consideriamo qualche buona scena e l'onesto lavoro di quasi tutti gli interpreti: purtroppo queste poche cose non sono sufficienti per fare un film accettabile". (A. Albertazzi, "Intermezzo", n. 19 del 15/10/1949).
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy