Hurricane 3D

Ouragan, l'odyssée d'un vent 3D

FRANCIA, BELGIO - 2015
2,5/5
Hurricane 3D
Correnti d'aria a 200Km/h, 18 cicloni, 12 Paesi. Andy Byatt, Cyril Barbançon e Jacqueline Farmer hanno collaborato con la NASA e con il compositore Yann Tiersen alla realizzazione di una sensazionale e trascinante esperienza per il grande schermo. Il turbolento viaggio comincia in Senegal, una minacciosa tempesta di sabbia si sposta verso ovest, attraversa l'Atlantico, impatta contro enormi imbarcazioni e produce onde anomale, per scagliarsi poi contro la giungla caraibica. Un fenomeno imponente, terrificante e straordinario che potremo vivere dall'interno, stando dentro al ciclone stesso. Formiche, lucertole, pipistrelli, rane, cavalli, ma anche uomini senzatetto, e ancora fiumi, barriere coralline lungo la Costa del Golfo degli Stati Uniti, ogni cosa si piega al passaggio di questo potente monsone e alla sua magnificenza. Dallo Spazio, attraverso lo sguardo degli animali, nelle sale operative degli enti federali per la gestione delle emergenze, impegnati a dichiarare gli stati d'allerta e ad assistere i cittadini colpiti dal disastro, osserveremo il fenomeno degli uragani a partire dalle origini, quando esplodono e scatenano la loro furia contro di noi.
  • Durata: 83'
  • Colore: C
  • Genere: DOCUMENTARIO
  • Produzione: CLIMAX FILMS, ORANGE STUDIO, OURAGAN FILMS, SAINT THOMAS PRODUCTIONS

RECENSIONE

di Federico Pontiggia

Come nasce, cresce e muore un uragano? Piacere, Lucy: nata il 15 agosto in Senegal, morta il 12 settembre in Louisiana, in mezzo la sua storia è anche la storia della nostra distruzione. Dopo aver realizzato per la televisione le serie Earth e Blue Planet, Andy Byatt ha rivolto la sua camera, stereoscopica, verso gli uragani: l’ha fatto per oltre 1000 giorni, rincorrendoli dall’Africa a Puerto Rico, da Cuba agli Sattes per carpirne la vita, quel respiro vitale che è vento distruttore.

Con lui il co-regista (e cameraman) Cyril Barbançon, la NASA, che ha offerto immagini spaziali di grande fascino, e il compositore Yann Tiersen (Il favoloso mondo di Amèlie…), il risultato finale è Hurricane 3D, in cartellone alla decima Festa di Roma. Un film discreto, non tanto per la storia, che già potremmo conoscere, né tantomeno per il racconto, perché l’autopresentazione di Lucy, narratore onnisciente, è tanto lirica quanto involontariamente ridicola, no, la forza di Hurricane sta nei 18 cicloni ripresi in 12 Paesi e montati ad hoc per dar vita al funzionale e finzionale Lucy: dal Senegal ai Caraibi, dalla tempesta di sabbia iniziale all’occhio del ciclone gigantesco, dagli occhi spaziali a quelli di formiche, lucertole, rane, cavalli, fenicotteri, esperti meteo e senza tetto, famiglie e piloti.

Un viaggio adrenalinico, di cui la “voce” di Lucy attenua l’emozione: parlano già le immagini, potenti, stranianti e perfino surreali, perché “lei” deve smosciare tutto?Caro Andy, cara pleonastica e irritante Lucy, fate silenzio: è la Natura che ve lo chiede…

NOTE

- PRESENTATO ALLA X EDIZIONE DELLA FESTA DEL CINEMA DI ROMA (2015).
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy