HELL'S KITCHEN - LE STRADE DELL'INFERNO

HELL'S KITCHEN

USA - 1998
HELL'S KITCHEN - LE STRADE DELL'INFERNO
Tre amici vengono coinvolti in un affare di droga. Patty uccide per errore Hayden e, pensando che anche Johnny sia morto, scappa e racconta a Gloria, sorella di Hayden e ragazza di Johnny, che è stato quest'ultimo ad ucciderlo. Ma Johnny è solo ferito e quando dopo cinque anni esce di prigione, Gloria vuole ucciderlo per vendicare il fratello e la madre Liz, cantante di blues nel club di Patty, diventata eroinomane dopo la morte del figlio. Johnny torna ad Hell's Kitchen, lavora nelle scuderie e si fa allenare da Lou perchè vuole fare il pugile. Gloria chiede a Patty di uccidere Johnny che, per evitare altri guai, si getta nella vita notturna di New York. Nel frattempo Johnny, alla ricerca del fratello minore Stevey, che ha perso di vista, riesce a tirare fuori dal giro Ricky, uno spacciatore di nove anni e a diventare un bravo pugile. Ma viene affidato a Boyle, un impresario senza scrupoli che, dopo il primo incontro di boxe dove Johnny stende il suo avversario che finisce in coma, convince il ragazzo di essere diventato il più grande. Gloria, visto che Patty non fa nulla, decide di uccidere Johnny da sola, ma non riesce a premere il grilletto in nome del vecchio amore. Quando Liz e Patty distrutti dalle loro angosce iniziano una relazione, Gloria li scopre e Patty le racconta la verità. Gloria, distrutta dal dolore, si rifugia da Johnny che intanto ha vinto un incontro che Boyle voleva perdesse, per cui irato vuole uccidere Lou, ma nella colluttazione resta ucciso da un colpo della sua stessa pistola. La salute mentale di Patty vacilla per cui viene ricoverato in una clinica, mentre Liz si rivolge agli Alcolisti Anonimi. Dopo qualche mese Liz va a trovare la figlia e si scusa per quanto ha fatto in passato. Johnny va a visitare Patty in segno di affetto e di perdono. Questo fatto aiuta Patty ad uscire dalla sua depressione e dà inizio per tutti ad una nuova vita.

TRAMA LUNGA
A Hell's Kitchen, quartiere malfamato e a rischio di New York, i giovani Hayden, Johnny e Patty, si sono lasciati coinvolgere in giri malavitosi. Una notte, durante lo scambio di una partita di droga, i tre ingaggiano con i rivali un conflitto a fuoco durante il quale per errore Hayden viene ucciso da Patty, e Johnny rimane ferito. La mattina dopo Patty, convinto che anche Johnny sia morto, va da Gloria e le racconta che è stato proprio Johnny, il suo ragazzo, ad uccidere Hayden, suo fratello. Passano cinque anni. Uscito dal carcere, Johnny cerca di cominciare una nuova vita. Ad aiutarlo c'è Lou, un ex pugile che gli insegna i fondamenti della boxe, convinto di poter fare di lui un campione. Gloria intanto cerca Johnny per vendicarsi e ucciderlo, mentre sua madre Liz, già cantante di blues, distrutta dal dolore, si è data all'alcool, all'eroina e a rapporti sessuali sfrenati. Johnny diventa un pugile famoso, ma si ribella al racket delle scommesse e la sua carriera finisce. Non potendo sopportare oltre la situazione, Patty dice la verità a Gloria, poi minaccia lei e Johnny. Gloria riesce a dire a Johnny che è incinta. Dopo qualche tempo, Liz va dalla figlia e le dice che ha deciso di cambiare vita. Patty ora è chiuso in manicomio. Johnny va a trovarlo, i due si spiegano e alla fine si abbracciano. Da fuori Gloria, che aspetta il bambino, osserva felice.
  • Altri titoli:
    HELL'S KITCHEN N.Y.C.
    VITE ESASPERATE
  • Durata: 95'
  • Colore: C
  • Genere: DRAMMATICO
  • Produzione: HK FILM CORPORATION, STORM ENTERTAINMENT
  • Distribuzione: EAGLE PICTURES (2000)

CRITICA

"Cercando di mettere assieme due filoni cinematografici - quello delle bande criminali e quello del riscatto tramite il ring - il debuttante Tony Cinciripini ha scritto una sceneggiatura incasinata e improbabile e l'ha diretta come un telefilm, salvo l'overdose di violenza. Non ci si appassiona né per le faide né per la storia d'amore tra Angelina e il buon Johnny, né per le ambasce della Arquette e meno ancora per la sua redenzione". (Roberto Nepoti, 'la Repubblica', 21 gennaio 2001)


"Film del 1998 esordio dell'italoamericano Tony Cinciripini, riciclato solo ora forse la presenza di Angelina Jolie, astro nascente e trasgressivo del firmamento Usa.Ma 'Hell's Kitchen' (...) è completamente fuori controllo. Ispirato a Scorsese e a Ferrara, la regia fatica a controllare situazioni e personaggi e precipita nel ridicolo. La rediviva Rosanna Arquette, blueswoman tossica, è fuori orario, irriconoscibile e incestuosa". (Fabio Bo, 'Il Messaggero', 19 gennaio 2001)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy