Good as You - Tutti i colori dell'amore

ITALIA - 2011
Good as You - Tutti i colori dell'amore
Le vicende di otto amici - quattro donne e quattro uomini - che a volte si amano e altre si detestano, si prendono e poi si lasciano, affrontano nevrosi sentimentali, frustrazioni lavorative, piccoli e grandi tradimenti.
  • Durata: 90'
  • Colore: C
  • Genere: COMMEDIA
  • Tratto da: commedia teatrale omonima di
  • Produzione: DAVIDE TOVI, DIEGO LONGOBARDI, SAURO FALCHI, ANNA FALCHI, CARLO PIERGIOVANNI PER A MOVIE PRODUCTIONS, MASTER FIVE CINEMATOGRAFICA
  • Distribuzione: IRIS FILM (2012)
  • Data uscita 6 Aprile 2012

TRAILER

NOTE

- ELISA DI EUSANIO E' STATA CANDIDATA AL NASTRO D'ARGENTO 2012 COME MIGLIOR ATTRICE NON PROTAGONISTA.

CRITICA

"Ecco il tipo di film che ti mette davvero in imbarazzo. Non per i motivi che hanno spinto il movimento Militia Christi a chiedere agli esercenti di boicottarlo, né tantomeno per come è stato presentato alla stampa: «la prima commedia interamente gay», ma per la tipologia dei personaggi (già nella commedia omonima di Roberto Biondi) e il modo di rappresentarli. Non sappiamo a che punto possa favorire lo 'sdoganamento' dell'omosessualità - ecco il punto - mettere in scena un microcosmo di decerebrati; tipi che, per levatura intellettuale, gergo, stereotipi - sembrano usciti dal più sciatto dei reality show. La pensosa alternativa posta di continuo dai poveri dialoghi è se sia meglio scegliere la coppia, oppure semplicemente 'divertirsi'. Tra una notte di Capodanno al buio e una festa mascherata, Lamberti ci sciorina tutta l'ambiguità dell'abusato acronimo g(ood) a(s) y(ou); ma di allegria, in realtà, ne trasmette pochina." (Roberto Nepoti, 'La Repubblica', 6 aprile 2012)

"Se questo di Lamberti è il primo film gay, quelli di Özpetek che sono? (...) Grande abbuffata di stereotipi, con l'effeminato che seduce il maschione, l'omosessuale sensibile, il malato, la lesbica maschia, prevedibile red carpet folk che forse non aiuta la causa anti omofobia. Bravi attori come Balducci, ma siamo ancora alla festa per il compleanno del caro amico Harold." (Maurizio Porro, 'Il Corriere della Sera', 6 aprile 2012)

"Tratto da una pièce teatrale - e si vede - 'Good as you' un titolo che rievoca uno dei primi slogan dei movimenti omosessuali degli anni '60, ha già concentrato su di sé gli strali ancora prima di uscire nelle sale e non può che giovargli. (...) La stravaganza del film è che proprio tutti i protagonisti sono, tutti e otto comprimari, lesbiche e gay, pur se con diverse sfumature. Cosa avrà spinto la Milizia a impiegare tanta energia verso una inoffensiva pellicola dai toni per niente eversivi? Sul palcoscenico le entrate e le uscite dei personaggi possono anche sorprendere nel loro ritmo, al cinema ci vuole tutto un armamentario allusivo che qui manca e forse non era neanche nelle intenzioni registiche, attento a sistemare le cose più che a scompigliarle, a raccontare gelosie e tradimenti nella confezione di una garbatissima commedia." (Silvana Silvestri, 'Il Manifesto', 6 aprile 2012)

"Simpatica commedia tratta da una pièce teatrale, più riuscita nelle parti umoristiche che nelle rare parentesi semidrammatiche. Un girotondo dell'altra sponda, dove molti però sono pronti a ricredersi. Nessuna scena hard, ma qualche bacio in meno sarebbe stato gradito." (Massimo Bertarelli, 'Il Giornale', 6 aprile 2012)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy